Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Visite
  • Salute A-Z
  • Chi siamo
  • MediciMedici
  • AziendeAziende
Shock anafilattico e attività fisica
2 minuti di lettura

Shock anafilattico e attività fisica

Uno studio romano fa luce sulla EIAn, una rara forma di shock anafilattico, generata da alcuni alimenti associati all'attività fisica.

Il suo nome è EIAn, ovvero Exercise-induced anaphylaxis, ed è una rara forma di Shock anafilattico generata da una grave reazione allergica che colpisce gli atleti che svolgono attività fisica. Questo disturbo dipende frequentemente da cause alimentari legate all’ultimo pasto assunto: in taluni casi prende, infatti, la denominazione di FDEIAn ovvero Food-dependent EIAn.

È l’Università Cattolica di Roma a rappresentare un irrinunciabile polo per la ricerca di questa rara patologia: il professor Antonino Romano dell’ateneo capitolino studia l’EIAn dagli anni Novanta, quando, con la sua equipe e in partnership con il Centro di Medicina dello Sport, ha elaborato l’unico protocollo diagnostico condiviso dalla comunità scientifica internazionale per individuare e fronteggiare l’EIAn. Il protocollo messo a punto da Romano è stato presentato anche nel corso del recente convegno dell’Accademia Europea di Allergologia e Immunologia Clinica (EAACI European Academy of Allergology and Clinical Immunology) tenutosi a Göteborg.

Nel 1979 è stato registrato il primo caso di FDEIAn: si trattava di un maratoneta di 31 anni che aveva affrontato una corsa subito dopo aver mangiato frutti di mare; oggi gli studi da noi condotti confermano il fatto che numerosi alimenti, associati all’attività fisica, possono generare questa reazione: dai crostacei ai cereali, dai pomodori al finocchio, dal sedano alle pesche, sino alle pere” ha spiegato Romano, aggiungendo che le reazioni a questi alimenti sono stati confermati da test allergologici condotti su differenti pazienti.

Gli studiosi italiani stanno, inoltre, prendendo in esame metodi più efficaci per prevenire l’EIAn: per alcuni atleti, il raggiungimento di un bel risultato potrebbe essere fortemente condizionato da reazioni allergiche. I più tipici sintomi di questa Patologia colpiscono la Cute – prurito, orticaria e sensazione di calore – e sono poi associati a dolori addominali, nausea o vomito, broncospasmi, edema della glottide o ancora forme di ipotensione e perdita di coscienza. Solo in rarissimi casi l’EIAn conduce anche alla morte.

 

Leggi anche:
Pressione bassa o ipotensione
Scopri alcuni rimedi per combattere la pressione bassa.
Commento del medico
Prof. Antonino Romano
Prof. Antonino Romano

Lo sport: una delizia che può tramutarsi in croce per certi atleti! Ad alcuni infatti può provocare uno shock anafilattico, una grave reazione allergica scatenata dall’attività fisica che si esercita dopo aver mangiato.

L’hai trovato utile?

Condividi

Iscriviti alla newsletter di Paginemediche
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali