Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Visite
  • Salute A-Z
  • Chi siamo
  • MediciMedici
  • AziendeAziende
Tumori: medico a Commissione uranio, nanopolveri vera causa cancro
2 minuti di lettura

Tumori: medico a Commissione uranio, nanopolveri vera causa cancro

Deve essere ricordata la responsabilità di tali proiettili nel generare le nanopolveri, che sono in effetti la vera causa della induzione di molte forme tumoral
Roma, 23 mar. (AdnKronos Salute) - "In conclusione si può affermare, mutuando dalla criminologia, che l'uranio depleto è il mandante e le nanopolveri l'esecutore". È quanto scritto in una perizia medico legale giurata di Giorgio Trenta, presidente dell'Associazione italiana di radioprotezione medica, ascoltato oggi presso la Commissione parlamentare di inchiesta sugli effetti dell'utilizzo dell'uranio impoverito.
Nello stesso testo, il medico scrive che "è necessario demolire una volta per tutte l'IPOTESI che l'uranio depleto, in quanto tale, possa essere la causa di induzione di tumori nei militari che hanno soggiornato in luoghi bellici ove lo stesso è stato utilizzato. Se si continuasse a perseguire tale IPOTESI considerando le caratteristiche fisiche dell'uranio depleto, si sarebbe portati a negarne la responsabilità. Invece deve essere ricordata la responsabilità di tali proiettili nel generare le nanopolveri, che sono in effetti la vera causa della induzione di molte forme tumorali".
Durante l'audizione, il presidente della Commissione uranio impoverito, Gian Piero Scanu, ha letto il testo della relazione che è stata "confermata per intero" dal medico Trenta.

L’hai trovato utile?

Condividi

Iscriviti alla newsletter di Paginemediche
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali