Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

DoctorOral, l'app per diagnosticare le lesioni orali

doctororal l app per diagnosticare le lesioni orali
Rosaura Bonfardino
Scritto da:
Rosaura Bonfardino
Giornalista esperta in salute e benessere
Un'applicazione pensata per aiutare odontoiatri, medici e studenti a diagnosticare eventuali lesioni del cavolo orale e allo stesso tempo prevenire l’osteonecrosi delle ossa mascellari da farmaci.

Si tratta di DoctorOral, app pensata e lanciata dalla professoressa Giuseppina Campisi e dalla dottoressa Olga Di Fede del Dipartimento Chirurgia Oncologica dell'Università degli Studi di Palermo.


Le funzioni dell'app

L'applicazione è online, scaricabile gratuitamente, da qualche giorno ed è disponibile per Ios e Android.
Essa svolge due importanti funzioni:
  1. Diagnosi di lesione del cavo orale. Alla sua base vi è il riconoscimento iniziale della lesione del cavo orale che viene differenziata per colore o morfologia. Grazie a una serie di domande a risposta multipla sarà possibile individuare una o più ipotesi diagnostiche, per le quali è possibile trovare una scheda riassuntiva e alcune immagini cliniche della malattia. Lo stesso utilizzatore potrà, poi, avvalersi della possibilità di scattare immagini cliniche del proprio caso che potranno essere confrontate con quelle delle ipotesi finali.
  2. Gestione odontoiatrica del paziente a rischio di osteonecrosi delle ossa mascellari farmaco-relata. Grazie a questa funzione è possibile accedere alla scheda "Rischio osteonecrosi", dove sono consultabili i percorsi guidati per il trattamento odontoiatrico del paziente oncologico od osteometabolico. Ciò sarà possibile sia nella fase antecedente alla terapia che durante la terapia farmacologica e a rischio di osteonecrosi delle ossa mascellari farmaco-relata. Questo avrà l'importante vantaggio di personalizzare le singole informazioni.
Leggi anche:
In Italia il primo trapianto di mandibola artificiale
Per la prima volta in Italia, a Padova, è stato ricostruito con un trapianto artificiale di mandibola, il volto di un paziente affetto da osteonecrosi.

Il servizio di second opinion

Ma non è ancora tutto. Alla fine del percorso sarà possibile richiedere e usufruire di un servizio gratuito di second opinion via mail, che prevede l’espressione di un parere ma che non deve essere inteso come atto a fornire consulenza medica e/o creare o fornire linee guida o raccomandazioni. Altre funzioni riguardano la possibilità di rivedere alcune delle principali e comuni patologie del cavo orale (“Sinossi delle Patologie”), le “Lesioni Elementari” e la “Legenda dei Simboli”.
Da sottolineare, infine, che attraverso questa guida, l'utente accetta consapevolmente di dover attenersi alla diagnosi e cura del singolo paziente, ai criteri per l’accertamento del nesso di causa, ai principi deontologici e a eventuali “standard of care”.

Per approfondire guarda anche "Gengivite"
01/03/2016
17/02/2016
TAG: Digital health | Odontoiatria | Bocca e denti
Rosaura Bonfardino
Scritto da:
Rosaura Bonfardino
Giornalista esperta in salute e benessere