16-02-2006

A mio nonno è stato diagnosticato un

A mio nonno è stato diagnosticato un epatocellulare carcinoma (premetto che mio nonno tantissimi anni fa ha contratto l'Epatite C). nel mese di settembre il Tumore era solo 6.5 cm ma dall'ultima ecografia effettuata i primi gionri di febbraio si evince che il tumore è 17 x 15 x 13. ci hanno riferito che l'unica speranza può essere la chemioembolizzazione, dato che la situazione è disperata. io vivo con la rabbia nel cuore perchè mio nonno perde peso sempre di più (circa 700 gr in media al giorno) e non parla quasi più. che effetti produrrà questa Chemioembolizzazione in un soggetto come mio nonno?
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
La chemioembolizzazione è una metodica invasiva che determina distruzione di tessuto tumorale ma anche di tessuto sano. Pertanto se è presente una condizione di insufficienza epatica, quest’ultima peggiorerà. Tale terapia è quindi controindicata nei pazienti con insufficienza epatica (Child B o C).
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna