A mio padre, ottantasettenne, sei anni e mezzo fa fu diagnosticato un carcinoma alla prostata: Gleason 4+4 e PSA 32. Curato prima con iniezione di decapeptyl 11,25 ogni tre mesi più una pastiglia al giorno bicalutamide 50 mg, poi con iniezione di Eligard, ha attualmente il valore di psa di 2,11 (tre mesi fa era 1,53; all’inizio della cura era sceso... Leggi di più a 0,20). A questo punto il dottore ha disposto di unire alla puntura di eligard l'assunzione (come già ai tempi del decapeptyl) di una pastiglia giornaliera di bicalutamide. Volevo cortesemente chiedervi un parere in generale sull'andamento e modalità della terapia scelta, compreso se – e per quanto tempo - riteniate che la cura ormonale possa essere ancora valida, e soprattutto se esistano altre cure ormonali di ‘nuova generazione’ che possano semmai , in futuro, sostituire efficacemente le precedenti (ho sentito parlare del degarelix, e dell’abiraterone che costituirebbe una terapia ormonale di ‘secondo livello’: vale a dire? ). Grazie, Rossano.