09-01-2017

Acido clodronico intramuscolare o orale?

Gentile dottore, sono un uomo di 44 anni, peso 72 kg. e sono alto 168 cm. Mi è stata diagnosticata una sindrome retto-adduttoria su accorciamento m. ileopsoas e ischiocruciali. Oltre allo stretching quotidiano, alla magnetoterapia e al trattamento osteopatico, mi hanno consigliato di fare delle fiale di acido clodronico intramuscolo (Clody 200), una fiala al dì x 5gg ed una fiala alla settimana x 5 settimane. Le mie domande sono: al posto della cura farmacologica per via intramuscolare, potrei fare la stessa cura per via orale con le capsule rigide? Che differenza c'è tra la cura intramuscolare e quella orale? La cura orale è meno efficace o ha più controindicazioni? Grazie anticipate per la risposte. Cordiali Saluti.

Risposta di:
Dr. Roberto Antenucci
Specialista in Medicina fisica e riabilitativa
Risposta

Buongiorno, semplicemente la cura per via iniettiva ha una maggior efficacia in termini di rapidità di riduzione del dolore. Gli eventuali effetti collaterali sono gli stessi sia per bocca sia per iniezione, ma in genere è un farmaco ben tollerato. Cordiali saluti.

TAG: Farmacologia | Medicina fisica e riabilitativa | Ortopedia e traumatologia