Acido borico, cos’è e a cosa serve

acido borico cos e e a cosa serve
Massimo Canorro
Scritto da:
Massimo Canorro
Giornalista & web content editor

L’acido borico (oppure acido ortoborico) è un acido debole utilizzato frequentemente nei laboratori farmaceutici e nelle industrie (della carta, del vetro, degli smalti) e viene ottenuto dall’idratazione dell’anidride borica e dai minerali del borato attraverso la reazione con l’acido solforico. Tali minerali si trovano in determinate miniere; la più grande fonte di acido borico, a livello mondiale, è rappresentata dalla miniera e raffineria di Boron, in California.

Proprietà dell’acido borico

L’acido borico è un antisettico che può venire usato su aree cutanee che sono irritate, secche oppure screpolate, per azione decongestionante, per punture di insetti, per la disinfezione di ustioni non gravi. Pur trattandosi di un composto che si assimila in modo semplice, prima di consumare acido borico (disponibile in bustine da sciogliere in acqua o come soluzioni acquose già pronte o in tamponcini) è opportuno consultare il proprio medico per ricevere un’indicazione specifica su dosaggio e tempi di assunzione, che sono variabili.

Acido borico, ambiti di utilizzo

Acne, candida, pulizia delle orecchie, infezione oculare. Sono i casi nei quali il ricorso all’acido borico è più frequente. Va da sé che ci sono anche altre possibilità di utilizzo (oltre a quelle già citate, l’uso veterinario per pulire gli occhi di gatti e cani e per le scottature solari, ad esempio). Tuttavia, il “poker” che andiamo a descrivere è quello più usuale (previo, occorre ribadirlo, il consulto medico):

  • Acido borico contro l’acne: problema cutaneo che colpisce soprattutto gli adolescenti, l’acne è causata da un’infiammazione del tessuto cutaneo provocata dall’azione di un focolaio microbatterico. Impacchi di acido borico possono rappresentare una soluzione, trattandosi di una sostanza con alto potere disinfettante.
  • Acido borico in caso di candida: infezione vaginale particolarmente fastidiosa, la candida Albicans può essere risolta ricorrendo all’acido borico. La terapia, tuttavia, va eseguita con scrupolo e sotto stretta osservazione del proprio medico.
  • Acido borico per la pulizia delle orecchie: si tratta di una delle forme di somministrazione più comuni. Sia l’igiene sia la corretta protezione del padiglione uditivo possono spingere all’uso di una soluzione (in gocce) come l’acido borico.
  • Acido borico per le infezioni oculari: provocata da batteri, virus, allergie oppure da altri agenti, l’infezione oculare può essere risolta grazie all’utilizzo dell’acido borico oftalmico, in grado di migliorare la situazione ed evitare eventuali complicazioni.

Acido borico, alcune avvertenze

L’acido borico non deve essere usato su aree di cute particolarmente estese e mai in dosi elevate. Il rischio, infatti, è l’insorgere di tossicità da accumulo, che andrebbe a complicare la situazione. E ancora, l’acido borico non deve essere impiegato nei bambini che non hanno ancora compiuto i tre anni di età: si potrebbero verificare casi di intossicazione o addirittura di morte.

Per approfondire guarda anche: “Acne”

Leggi anche:
Evitare dolci e lieviti, preferire frutta e verdura: gli alimenti concessi e quelli dannosi per affrontare la Candida.
03/08/2017
03/08/2017
Massimo Canorro
Scritto da:
Massimo Canorro
Giornalista & web content editor