15-11-2017

Aggiornamento terapia antidepressiva

Egregio dottore, ho 69 anni e ho sofferto di depressione per circa 2 anni, curata soprattutto con Cipralex. Da circa un anno e mezzo sto bene, ma continuo a prendere Cipralex, che la pasichiatra ha ridotto da 15 a 12 gocce. Secondo lei posso ulteriormente scalare il farmaco fino ad azzerarlo o è meglio continuare e per quanto tempo? Grazie fin d’ora

Risposta di:
Dr. Stefano Egidi
Specialista in Igiene mentale e Psichiatria
Risposta

I criteri per decidere se e quando sospendere un trattamento farmacologico con antidepressivo sono: se si tratta di una depressione ricorrente o meno; il numero di eventuali episodi precedenti e la loro intensità, ovvero se hanno portato a grave disfunzione sociale e lavorativa o acuta sofferenza soggettiva al punto magari di arrivare a pensieri suicidali; la presenza di fattori di rischio o al contrario di fattori protettivi relativi al proprio stile di vita; l'avere meno svolto un percorso di tipo psicoterapico che possa aver individuato possibili fattori di vulnerabilità ed aver messo a punto strategie di prevenzione delle ricadute e fronteggiamento delle stesse.

La sospensione dei una terapia va fatta ad ogni buon conto in modo graduale e concordato, confrontandosi sui fattori suenunciati, su propri timori riguardanti la sospensione e i rischi di ricaduta, con la figura di riferimento professionale in cui si abbia fiducia.

TAG: Farmacologia | Malattie psichiatriche | Psichiatria | Salute mentale
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!