09-05-2008

Alla fine di novembre 2007 ho scoperto casualmente

alla fine di novembre 2007 ho scoperto casualmente facendo un esame di rutine del sangue di avere contratto il virus dell'epatite B, il valore di transaminasi got era di 492 mentre quello di transaminasi gpt 864 poi ho fatto i marcatori delle varie epatiti e sono risultato positivo a quello dell'epatite b appunto, a dicembre ho fatto l'hbv dna quantitativo ed avevo oltre 1000000000 di copie nei mesi l valori di transaminasi gpt hanno toccato un massimo 1371 nella fase più acuta e un valore più basso di 282 ma da qualche mese stanno ricominciando a risalire prima a 355 e qualche settimana fa 457 abbiamo ripetuto i marcatori dell'epatite ma a distanza di 5 mesi risulto ancora positivo e non ci sono ancora presenza di anticorpi, ho rifatto il 21 di aprile 2008 l'hbv dna quantitativo e ho 67800000 copie forse sono già nella fase cronica della malattia? il mio medico mi ha consigliato di fare una biopsia al fegato per vedere la situazione e intraprendere una terapia farmacologica. ma iniziando la cura farmacologgica posso avere una recessione della malattia o debbo farla per sempre essendo un probabile cronico? come cambierà la mia vita posso continuare a far sport e condurre una vita normale oppure questo senso di stanchezza crampi alle gambe e dolori articolari mi accompagnerà per sempre? spero di avere presto suo riscontro e di potere seguire i suoi preziosu consigli cordiali saluti.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Si comincia a parlare di cronicizzazione se le alterazioni delle aminotransferasi perdurano per un periodo maggiore dei 6 mesi. Concordiamo con il programma del suo medico curante di intraprendere una biopsia epatica ed eventualmente un ciclo di terapia antivirale (interferone). Può continuare a fare sport e a condurre una vita normale; il senso di stanchezza e di crampi alle gambe con dolori articolari non l’ accompagnerà per sempre.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna