Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

12-09-2018

Allergia ai metalli

Buongiorno,

avrei una domanda relativa all'allergia ai metalli. Ho messo un impianto dentale in titanio 4 mesi fa. Nel frattempo, a causa di un gonfiore addominale che porto avanti da anni, ho fatto il test all'allergie ai metalli e risulto positiva a:

Stagno (Sn), Mercurio (Hg), Bismuto (Bi), Molibdeno (Mo), Nichel (Ni), Niobio (Nb), Cadmio (Cd), Titaniumsulfate (TiSO4).

Siccome ho l'impianto di titanio, a questo punto la mia preoccupazione è questa allergia al Titaniumsulfate (TiSO4). Secondo Lei, data questa allergia, è da prendere in considerazione la rimozione dell'impianto? Attualmente non ho i sintomi particolari legati all'impianto, ma siccome soffro di artrite reumatoide da 1 anno, vorrei evitare anche il minimo rischio.

Grazie. Cordiali saluti

Risposta di:
Dr. Pietro Marsico
Specialista in Allergologia e immunologia clinica
Risposta

Gentile Signora. Dal punto di vista allergologico eseguire un test per escludere sensibilizzazioni allergeniche a metalli nel caso di “gonfiore intestinale” è del tutto ingiustificato: non esiste alcuna evidenza scientifica che l’allergia verso i metalli produca questo sintomo.

Le faccio poi presente che l’unico test in grado di valutare l’allergia ai metalli è il patch test e spero proprio che abbia fatto questo e non uno dei numerosi test “alternativi” che sono del tutto inutili nonché costosi. In ogni caso l’allergia non è data dalla positività ad un test ma da questa stessa, unita ad una sintomatologia. Il fatto di avere titanio in un apparecchio dentario in assenza di sintomi orali, esclude che lei sia allergica a quei metalli utilizzati per la preparazione dell’apparecchio.

Le consiglio di rivolgersi solo a professionisti che possano dimostrarle di essere specialisti allergologi.

TAG: Adulti | Allergie | Allergologia e immunologia clinica | Anziani | Effetti Collaterali | Esami | Reumatologia | Trapianti
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!