Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

02-11-2017

Amilasi 154 può ritenersi anche nella norma?

Mio figlio di 22 anni ha l'amilasi totale a 154 U/l . Circa 6 mesi fa a seguito di una mononucleosi molto virulenta, gli abbiamo fatto gli esami e questo valore era a 134U/l, non sappiamo però se prima della malattia il valore era superiore al range di riferimento di 100 U/l. Tutti i valori sono rientrati nella norma, tranne questo.

Il medico di base ha detto di fare una risonanza magnetica del pancreas e fegato per escludere problematiche biliari, la dottoressa che lo teneva in cura al reparto malattie infettive, invece, ha detto solo di ripetere gli esami tra qualche tempo e che è un valore non preoccupante. Non ha nessun sintomo, sta bene....cosa devo fare? Devo contattare un gastroenterologo per escludere altre problematiche? Grazie.

Risposta di:
Dr.ssa Ida Fumagalli
Specialista in Allergologia e immunologia clinica e Diabetologia e malattie del metabolismo
Risposta

Ovviamente bisogna ascoltare il medico curante. Bisogna intanto chiedere se il ragazzo soffra in questo periodo di disturbi tra i quali dolori addominali. Chiedergli come sia l'appetito. Oltre all'amilasi controllare la lipasi e gli indici infiammatori. Il ragazzo soffre di infezioni respiratorie? Prima della RMN eseguirei una ecografia addominale. Se la lipasi è normale potrebbe anche trattarsi di una macroamilasemia.questa è una condizione non legata a una pancreatite . In questa situazione la amilasuria è normale. In caso di macroamilasemia si devono cercare altre condizioni patologiche tra cui celiachia e altre forme autoimmuni. Nella macroamilasemia le amilasi sono alte perché essendo più grandi non vengono filtrate dai reni e si accumulano.

TAG: Biochimica clinica | Esami | Fegato | Gastroenterologia | Patologia clinica
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!