05-02-2004

Antigeni tardivi

Abbiamo scoperto dagli Esami del sangue, a seguito di un ricovero, che mio figlio all'età di 4 mesi ha contratto l'Infezione da Cytomegalovirus (IGG e IGM positive). A distanza di 3 mesi l'infezione non è più presente nel Sangue ma soltanto nelle urine. Il mese scorso l'infettivologo ha prescritto questi esami con i seguenti risultati: 1° Antigenemia CMV = Negativo. 2° PTH chemiluminescenza, risultato = 17 (valori riferimento 10 - 65). 3° PCR - DNA: Cmv late gene "GP 58" = positivo. Vorrei sapere, dato che nessuno ci ha ancora informato, il significato di questi esami e il loro risultato (in paricolare il 3° esame) e se è il caso di preoccuparci. Per il prossimo mese sono stati prescritti altri esami del sangue, con interesse per gli enzimi epatici e per gli aminoacidi.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Dopo una infezione acuta il Citomegalovirus può persistere molto a lungo nell’organismo (anche per molti mesi); la positività degli antigeni tardivi del virus (late gene) può quindi persistere anche dopo 3 mesi. Il controllo degli esami epatici è corretto, in quanto molto spesso il CMV provoca un transitorio danno epatico.
TAG: Infezioni | Malattie infettive
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!