Buongiorno; ho 57 anni (donna), terminato lavoro di responsabilità (38 anni) da 12 mesi (da 10 mesi in lockdown, esco solo 2 volte settimana per necessità). Dopo una 1° fase traumatica a causa del virus, a settembre ho ricominciato ad uscire per esempio con il cane per una passeggiata o per accompagnare mia figlia al lavoro in macchina. Ad ottobre ho effettuato parecchi lavori in casa, quali tinteggiatura delle pareti, del balcone, repulisti di armadi ed altro ancora... Ero particolarmente attiva in quel periodo come del resto lo sono stata per tutta la mia vita. Da oltre 2 mesi però (inizio novembre) soffro di un'astenia importante, alternata da stati di malessere profondo con pallore in volto e borse sotto gli occhi molto gonfie. Ho naturalmente da subito allertato il mio medico e di conseguenza ho effettuato questa serie di controlli: esami di laboratorio: emocromo, TSH completo, bilirubina, lipasi, amilasi, creatininemia, fosfatasi alcalina, antigene carcino embrionale, CA 15-3, ferro, proteine, elettroforesi, fosfatasi alcalina, glucosio basale (ed altri che risultano ok), esame urine. esami radiologici: gastroscopia, colonscopia, esame addome completo, RMN encefalo + tronco encefalo, eco tiroide, eco transvaginale. visite mediche: 2 internistiche, neurologica, endocrinologa, ginecologica. TUTTI gli esami sopra riportati danno esito negativo per patologie di qualsivoglia natura. Compreso il mio medico di base sostiene a questo punto che il mio malessere é dovuto ad un esaurimento psico/fisico (mai successo fino ad ora se fosse così...). Vi chiederei la cortesia di darmi anche un vostro parere al riguardo ed eventualmente cos'altro posso ancora indagare... Sono davvero stanca di stare male, la mia forte astenia incomincia ad essere invalidante... Vi ringrazio molto per un Vostro cortese cenno di riscontro. Con riconoscenza