14-05-2008

Buongiorno, a mio padre di 83 anni con cardiopatia

Buongiorno, a mio padre di 83 anni con cardiopatia dilatativa (curata con farmaci quali triatec laxis e lanoxin), scompenso cardiaco e fibrillazione atriale persistente è stato impiantato lunedì scorso 14 aprile, un pace-maker biventricolare. Dopo l'intervento, tuttavia, il quadro clinico di mio padre è peggiorato: febbre la sera sui 37.4, molta più dispnea che in precedenza. Dimenticavo di dire che ha iniziato il passaggio dall'anticoagulante fraxiparina al coumadin. Secondo il medico curante il pace-maker, per ora, non sembra funzionare. Come è possibile che mio padre stia peggio? ma quando inizia ad avere effetto il pace-maker?
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Il pace-maker funziona subito dopo l’impianto, la febbre potrebbe essere anche da infezione della tasca e la dispnea potrebbe essere giustificata dalla febbre. Ne parli con il suo cardiologo
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare