Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

29-11-2018

Calcolosi renale

Gent.mo Dottore, desidererei chiedere un suo parere in merito alla strumentazione di diagnostica utile per la ricerca e la misurazione dei calcoli renali. Le chiedo questo in quanto nell'arco di tre anni ho avuto risposte mediche differenti. Ho un calcolo molto grosso situato nella parte inferiore del rene destro con dimensioni dubbie in quanto due TAC effettuate in ospedali diversi mi hanno dato la misurazione di 2 cm prima e di 1,5 cm dopo. Delle varie ecografie effettuate alcune mi hanno dato misurazioni di circa 2 cm. altre 2,5 cm e altre ancora 2.9 cm. Posso comprendere che ci possa essere diversa interpretazione da parte degli ecografi ma per quanto riguarda le TAC le sembra normale che le dimensioni risultano diverse? Inoltre, tra l'ecografia e la TAC, secondo la sua esperienza, quale sarebbe la più precisa nella misurazione dei calcoli renali. La ringrazio in anticipo e cordiali saluti
Risposta
La TAC è senz’altro molto più precisa, le misurazioni ecografiche tendono generalmente a sovrastimare, in particolare nei piccoli calcoli. Le discrepanze nelle misurazioni TAC possono essere dovute alla conformazione irregolare del calcolo (es. a sigaro) ovvero se la dimensione maggiore si orienta in senso longitudinale. D’ogni modo, 5 mm di differenza non mutano le indicazioni, che probabilmente rientrano ancora in un possibile trattamento endoscopico attraverso le vie urinarie naturali (RIRS).
TAG: Nefrologia | Urologia
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!