Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Medici
  • Salute A-Z
  • Per le aziende
L’ESPERTO RISPONDE

A seguito trattamento eswl per calcolosi renale

A seguito trattamento ESWL per calcolosi renale caliciale media, ho riportato un'Ematoma epatico sottoglissoniano nel 6 segmento di 6*3*7 cm senza apparente versamento. A distanza di 20 gg. le dimensioni dell'ematoma non si sono ridotte. Quali sono le conseguenze sulla funzionalità dell'Organo e le alternative chirurgiche? E' possibile una Cirrosi per ostruzione del dotto biliare? La posizione del calcolo renale è compatibile con la posizione della lesione epatica? Il litotrittore era mirato non ad arte? Grazie. Distinti saluti
Risposta del medico
Dr. Fegato.com
Dr. Fegato.com
In generale, la presenza di un ematoma, anche delle dimensioni da lei descritte, non rappresenta un motivo tale da giustificare una cattiva funzione epatica e quindi non si ritiene opportuno intervenire chirurgicamente, a meno che non insorgano delle complicazioni. E’ in linea di massima possibile che da una ostruzione delle vie biliari possa derivare da una cirrosi epatica (Cirrosi biliare secondaria), ma ciò è alquanto improbabile nel suo caso. Per la risposta agli altri quesiti non è possibile esprimersi in quanto è necessario essere a conoscenza di ogni particolare dell’intervento, cosa che manca del tutto dalla sua descrizione.
Risposto il: 03 Febbraio 2004
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali