Buongiorno, ho 25 anni e durante una visita urologica, il medico ha riscontrato che la pelle del prepuzio è leggermente abbondante. Preciso che non ho una fimosi, che mi è sempre possibile scoprire per intero il glande e che non ho fastidi rilevanti. L'unico difetto è appunto una pelle un pò più spessa e abbondante del normale, che riesce a ricoprire il glande per intero anche in erezione e crea un accumulo di pelle ripiegata alla base del glande quando il prepuzio viene retratto. Occasionalmente, specie dopo un rapporto particolarmente intenso o prolungato, l'ispessimento della pelle appare più evidente ma solo temporaneamente e conubque senza mai comportare problemi. Sul bordo del glande presento inoltre le cosidette "papule perlacee". Dovendo sottopormi nel breve ad un intervento di varicocele, il medico mi ha detto che, se lo desidero, si può fare contestualmente anche la circoncisione per risolvere questo difetto ed evitare di affrontare in futuro l'intervento qualora divenisse necessario. Il mio dubbio è se sia davvero utile procedere: sul lungo termine può questa pelle un pò abbondante crearmi problemi come ad esempio la fimosi? So che la circoncisione comporta diversi aspetti positivi per quanto riguarda igiene prevenzione e farla potrebbe essere una buona occasione per prevenire potenziali problemi futuri, ma allo stesso tempo ho timore di fare un intervento non strettamente necessario del cui esito (soprattutto estetico) potrei non rimanere soddisfatto. Inoltre, può questa mia condizione del prepuzio influire sulla fertilità e sulla qualità del liquido seminale? Mi consigliereste l'intervento?