Mio suocero di 74 anni è stato operato di endocardite. portava da 10 anni una valvola aortica biologica che ha subito due perforazioni a seguito dell'infezione. l'intervento è andato tecnicamente bene, ma lui è ancora in coma farmacologico da tre giorni perchè al tentativo di risvegliarlo ha reagito con clonie, innalzamento dei valori tutti... Leggi di più (pressione, temperatura, battito,....) e quindi lo hanno riaddormentato. la TAC non rivela emorragie ma ci dicono che dobbiamo aspettare ancora un giorno per rifarla e vedere cosa è successo al cervello al momento del risveglio. potrebbe darci il suo parere su tutto ciò e su quanto sia frequente un buon risveglio dopo interventi del genere, in che misura possiamo aspettarci che il probabile ictus verificatosi al risveglio possa riassorbirsi e permettere un buon risveglio nei prossimi giorni? dalla endocardite ci si può salvare? grazie