Riposo pomeridiano ed efficienza sul lavoro
13 Novembre 2013
|
3 minuti

Riposo pomeridiano ed efficienza sul lavoro

L'organismo ha bisogno di integrare il sonno notturno con mezz'ora di riposo pomeridiano. Al risveglio il corpo è pronto a lavorare meglio.
In questo articolo:

Riposo pomeridiano: un bisogno fisiologico

Dopo la pausa pranzo, non è raro veder tornare al lavoro impiegati non del tutto svegli ed attenti. L'atteggiamento sonnolento non è dovuto altro che ad una necessità organica di ogni uomo alla pennichella pomeridiana.

Alcuni studi hanno confermato, infatti, la necessità di integrare il sonno notturno con 30-60 minuti di Sonno pomeridiano per dare all'Organismo la possibilità di riprendersi.

Perché dormire fa bene

Durante il sonno vengono eliminate le tossine dal nostro corpo e ne vengono costituite delle nuove, che mettono in grado il corpo di funzionare perfettamente al risveglio.

Inoltre, dormire permette alla memoria di elaborare e ritenere le informazioni raccolte dopo il risveglio, con una produttività ed un'attenzione maggiori. Durante la pennichella la temperatura corporea si abbassa e, anche d'estate, si combatte l'eccessiva calura ambientale.

In America ci sono già varie aziende che hanno costituito delle zone di riposo per i propri dipendenti, ma si è ancora molto lontani dalla diffusione capillare di questa nuova moda salutare, anche se sembra più necessaria soprattutto nelle fabbriche con dipendenti turnisti, dove i maggiori incidenti si verificano proprio durante i momenti in cui la Sonnolenza è al massimo livello.

Le regole da seguire per un buon riposo pomeridiano

Ma anche per fare una pennichella bisogna seguire delle regole per ottenere il massimo dei risultati. Innanzitutto, la pennichella deve durare tra i 20 ed i 60 minuti; oltre l'ora si rischia di risvegliarsi peggio di prima. Il pasto che la precede deve essere leggero e senza alcol; questi due elementi ritardano l'addormentamento e rendono più acuto l'intontimento post-risveglio.

Prima di buttarvi sul letto aspettate un quarto d'ora, in modo che la digestione sia avviata e preparate, intanto, l'ambiente adatto per accogliervi: buio totale, niente rumori e temperatura tra 17° e 21°. Se indossate abiti attillati, meglio toglierli; stendetevi con tranquillità e rilassatevi. Il cervello coglie queste sfumature: la posizione supina blocca gli stimoli muscolari, mentre il vestire abiti attillati manda segnali di veglia al cervello.

Al risveglio niente di meglio che un buon caffè per sentirvi in forma, ma non partite subito in quarta: il vostro corpo ha bisogno di qualche minuto per riprendersi dal torpore appena lasciato e dare il meglio di sé.

Cerca un medico nella tua città
Specialista in Medicina del lavoro e Nefrologia
Corniglio (PR)
Specialista in Medicina generale e Medicina del lavoro
Milano (MI)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Medicina del lavoro
Termoli (CB)
Specialista in Igiene e medicina preventiva e Medicina del lavoro
Verbania (VB)
Specialista in Gastroenterologia e Medicina del lavoro
Torino (TO)
Specialista in Medicina del lavoro
Genova (GE)
Specialista in Pneumologia e Allergologia e immunologia clinica
Capoterra (CA)
Specialista in Medicina legale e Medicina del lavoro
Lanciano (CH)
Specialista in Cardiologia e Medicina del lavoro
Benevento (BN)
Specialista in Medicina del lavoro e Pneumologia
Prov. di Cagliari