26-02-2004

Come curare l'extrasisole.

Come curare l'extrasisole.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Le extrasistoli (cioè dei battiti anticipati che interrompono in normale regolare ritmo cardiaco) di per sé non costituiscono un grosso problema se non sono associate ad un’altra malattia cardiaca di cui costituiscono un sintomo. Quindi per prima cosa bisogna escludere tale ipotesi attraverso una visita cardiologica. In assenza di una malattia cardiaca che provochi l’extrasistolia possiamo distinguere due casi:
  1. le extrasistoli non danno alcun disturbo, non sono avvertite dal paziente: in questo caso sconsiglierei qualsiasi terapia che può alla fine comportare più problemi delle stesse extrasistoli.
  2. le extrasistoli sono avvertite dal paziente e lo disturbano “sensibilmente”: anche in questo caso se possibile soprassiederei ad ogni terapia per i motivi sopra citati, al più potrebbe essere utile l’uso di blandi tranquillanti. Se poi il disturbo è proprio notevole consiglio di rivolgersi ad un cardiologo per l’eventuale impostazione di una terapia specifica.
Ultimo consiglio: valutare anche la funzione della tiroide che in caso di iperfunzione può essere causa di extrasistolia o di altre aritmie più complesse.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!