L’ESPERTO RISPONDE

consolidamento

Gentilissimia mia madre, che ha 66 anni, nel marzo scorso è stata disgnosticata leucemia mieloide acuta (Lam M4) che ha richiesto ricovero urgente in ematologia a Pisa. Qui è stata trattata con terapia di induzione standard (5+2 IDA). La ripresa midollare è arrivata al 16° giorno dal termine della chemioterapia. Il controllo midollare successivo ha evidenziato remissione completa (blasti inferiori al 3%). Quindi i medici hanno stabilito terapia di consolidamento con Vidaza. Mi è stato spiegato che da Lam M4 si può guarire completamente anche con terapie e senza bisogno di trapianto, ma è richiesta un'età inferiore ai 60 anni. Tentare il consolidamento della guarigione con cicli come quello di induzione o in dosaggi più alti sarebbe stato estremamente rischioso per l'età di mia madre che è anche un fisico piuttosto esile (circa 44 Kg). Concordate con questa scelta terapeutica? Cosa può garantire il Vidaza come terapia per consolidare una remissione completa? Grazie

Risposta del medico
Paginemediche
Paginemediche
La scelta effettuata è sicuramente ragionevole
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Ematologia
Matera (MT)
Specialista in Ematologia
Carlentini (SR)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Ematologia
Napoli (NA)
Specialista in Ematologia
Sciacca (AG)
Specialista in Medicina interna e Ematologia
Bologna (BO)
Specialista in Ematologia
Palermo (PA)
Specialista in Ematologia e Oncologia
Prov. di Cagliari
Specialista in Ematologia e Igiene e medicina preventiva
Prov. di Varese
Specialista in Ematologia e Andrologia
Padova (PD)