26-02-2004

Drenaggio

Ho 25 anni, e due bambine nate entrambe con taglio cesareo a termine; il primo cesareo è stato determinato da: liquido amniotico ridotto, assunzione di vasosuprina per 5 mesi a causa di utero aperto di 2 cm dal 3° mese, posizione podalica della bambina e dimensione addominale della bimba inferiore alla media (per cui rischio di Sindrome di Down, per fortuna scongiurato). In sede di 1° taglio mi è stato eseguito intervento di Ernia inguinale insorta in gravidanza e pulizia di aderenze post-appendicite. Ho sofferto ma non come al 2°, nel corso del quale, subìto dopo 20 mesi, mi è stata eseguita revisione dell'ernia fatta precedentemente e ripulizia di aderenze, e mi è stato messo un drenaggio senza scarico in busta: vorrei sapere perchè viene messo (ho sentito dire che solitamente lo mettono al 2°cesareo) e come si chiama questo "aggeggio"; vorrei sapere perchè mi si è formata nelle ore seguenti aria nelle costole con forti dolori alla respirazione e mi hanno mantenuto le flebo per altre 24 ore dopo l'intervento; come mai al risveglio e per molte ore ho sentito atroci dolori e sensazione di fiamme nella pancia, cosa non accaduta al 1° taglio; e, un'ultima domanda, a distanza di 6 mesi dal 2° cesareo, specialmente al mattino sento forti dolori che partono dalla parte sinistra della ferita (dove tra l'altro ho avuto questo drenaggio) e scendono fino alla corrispondente natica, per passare solo se mi alzo dal letto e comunque dopo una mezz'oretta. Vorrei risposte al più presto, anche perchè ho fatto 2 controlli dopo il Parto ma il mio ginecologo, col quale ho un bellissimo rapporto, non è riuscito a spiegarsi questi dolori e mi ha prescritto una visita chirurgica, ma questa non ha dato risposte concrete, ma solo supposizioni, e poichè dovrò fare un'ecografia addominale delle parti molli (che vorrei sapere anche questa dicitura cosa significa) vorrei avere chiarimenti ai più presto possibile. Grazie infinite, metterete calma dentro di me perchè sono una ragazza molto volenterosa di sapere. Grazie.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Tenga conto che il taglio cesareo è pur sempre un intervento chirurgico e in quanto tale può causare complicanze. Si renderà conto che se il suo ginecologo ha bisogno di una consulenza chirurgica per definire il quadro clinico, sarebbe poco serio da parte mia darle delle risposte senza averla mai visitata. Il consiglio è quello di avere fiducia nei suoi medici che si sono dimostrati coscienziosi nella condotta e nei consigli e vedrà che al più presto si darà una spiegazione al tutto.
TAG: Ginecologia e ostetricia | Organi Sessuali | Salute femminile
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!