Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Medici
  • Salute A-Z
  • Per le aziende
L’ESPERTO RISPONDE

Dubbi vaccino anticovid

Buongiorno, espongo una mia opinione di persona che ha deciso di non sottoporsi alla terapia genica sperimentale. Il vaccino anticovid non ferma il contagio e quindi chi non lo fa non può essere accusato di mancanza di senso civico. Si tratta per ora di un siero terapeutico che affievolisce i sintomi della malattia ma che non protegge dal contrarre l'infezione, per cui tutti possono essere veicolo di trasmissione, sia i vaccinati che non. Per cui chi non si vaccina semplicemente non e' interessato a questa terapia sperimentale per se stesso e non fa torto al bene comune. Chiedo un parere, grazie.

Risposta del medico
Specialista in Diabetologia e malattie del metabolismo e Medicina interna

Dopo un anno di vaccinazioni , parlare ancora di “ vaccino sperimentale “ è totalmente fuori luogo : do 48 milioni di vaccinati in Italia e alcuni miliardi nel mondo e’ il farmaco più testato al mondo.
Il Vaccino Pfizer è stato definitivamente approvato dall’FDA con modalità “ standard” ( non più emergenziale) a giugno del 2021, quindi in nessun modo si può parlare di “ sperimentale”.
Chi ha usato il Vaccino sperimentale sono i 40000 che hanno partecipato allo studio di registrazione di fase 3, senza sapere che effetti avrebbe avuto. Dopo la fase 3 - come ogni nuovo farmaco - è stato tegistrato e approvato : ciò che è mancato è stata la osservazione su larga scala di 1-2 anni sulla durata della immunità, che oggi invece e’ ormai raggiunta .
ll Vaccino AntiCovid non è un “ siero”: i sieri sono quelli costituiti da Anticorpi ( es siero iperimmune, siero antitetatinico) che hanno una durata di circa 20 g, che è la durata media degli anticorpi somministrati dall’esterno .
Non è una terapia , ne’ tantomeno una terapia genica : i vaccini a mRNA portano la informazione al sistema immunitario per riconoscere la Proteina spike e produrre anticorpi contro.
I Vaccini a Vettore Virale ( Asteazeneca, JeJ, Sputnik e altri) introducono con una parte di un altro virus( adenovirus) la stessa informazione per produrre Anticorpi contro la Proteina Spike.
Il Novovax - ultimo arrivato - introduce direttamente la proteina Spike in modo che il sistema immunitario si attrezzi per combatterla .
Tutti questi Vaccini non proteggono dal contagio al 100% , ma all’inizio al 95%, poi dopo 4- 6 mesi la protezione dal contagio scende al 60-40%: ma è meglio essere protetti al 40-60% che non esserlo affatto.Del resto è ciò che avviene anche col vaccino antinfluenzale , perché i virus mutano continuamente.
Ma continuano a proteggere all’88% da forme severe di malattia , che è ciò che più importa.
Vero che anche i vaccinati si possono contagiare , ma la carica batterica si abbatte in media in 2-3 gg , mentre nei non vaccinati impiega 8-10 gg (Jama agosto 2021) : quindi chi non si vaccina permette la trasmissione più a lungo di chi si è vaccinato, e permette al Virus di mutare più frequentemente. Del resto anche la immunizzazione naturale ( contagio da Covid) non protegge per sempre- come avviene x il morbillo, la Poliomielite, la varicella o altre malattie infettive contro cui ci siamo vaccinati da bambini- ma nell’arco di 5-6 mesi si perde la immunità e ci si può reinfettare, mentre se si fa entro 6 mesi uba dose di vaccino si rafforza la memoria immunitaria e si è completato il ciclo. Con la 3a dose poi si riporta all’88% la protezione dal contagio e al 95% la protezione dalla malattia grave.
Dall’inizio delle vaccinazioni a gennaio 2021 sono crollati i contagi tra i sanitari e nessun medico è più morto di Covid o di Vaccino : nel 2020 sono stati quasi 400 i medici morti x Covid , e non era mai accaduto per nessuna mal infettiva .Cosi come sono crollati i contagi e i morti nelle RSA , dove nella prima ondata gli anziani sono morti in alta percentuale.
Più ci sono in circolazione persone non vaccinate ( quindi non pronte ad contrattaccare il virus con gli anticorpi) e più si offre tempo al virus per mutare ._
In tutto il 2021 - dall’inizio delle vaccinazioni- in ospedale e soprattutto nelle terapie intensive sono finiti soprattutto i NON vaccinati (7 su 10) , più giovani e più “ sani” dei vaccinati infettati .
In qualunque malattia altamente contagiosa la difesa della salute collettiva arriva con il vaccino , non con le cure : le cure servono ai malati, i vaccini ai sani.
L’infarto si cura con l’angioplastica , ma se si può evitare e’ infinitamente meglio . O NO!
In tutte le patologie acute oggi si usano farmaci nuovi , registrati dopo la fase 3 della sperimentazione , e non ho mai visto nessuno in ospedale che rifiuti o “ non sia interessato “ a queste cure !!!
I letti occupati in ospedale da chi pur potendo prevenire la malattia grave , non lo ha fatto , sono risorse sottratte ad altri malati e anche solo questo è mancanza di senso civico. Inoltre una giornata in ter Intensiva costa tra i 1500 e 1800 € , mentre 1 vaccino ne costa 12.
Oggi ci sono le cure :- gli Ac Monoclonali ( anche questi registrati in via emergenziale) che costano dai 1000 ai 2000 €, e non sono privi di effetti collaterali ; o il nuovi antivirale di Pfizer che - fatto nei primi 5 giorni dai sintomi - protegge dalla malattia severa : ma non è privo di effetti collaterali , ed è appena stato registrato . Per coerenza NON DOVREBBE ACCETTARE DI FARLO , perché “ sperimentale “, cosi come dovrebbe rifiutare ogni Farmaco nuovo per qualunque patologia.
La libertà che stiamo riconquistando la deve ai vaccinati che hanno abbattuto la circolazione del virus e l’assalto agli ospedali : chi come lei non si è vaccinato “ sfrutta” la libertà conquistata dagli altri !
Se un anno fa poteva essere comprensibile avere qualche timore di questi nuovi vaccini , oggi francamente non ha più senso: dopo 8 miliardi di persone vaccinate nel mondo, non abbiamo le strade lastricate di morti , come purtroppo avviene in Ucraina.
La pandemia non è finita e continueranno ad arrivare varianti

Risposto il: 08 Aprile 2022
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali