Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

17-03-2013

è possibile tutto questo ?

Salve,mi appresto a domandare quanto segue:è vero che,un terapeuta,non può avere contatti col paziente al di fuori del setting terapeutico?è vero che,tra paziente e terapeuta,non può esserci alcuno scambio di gesti affettivi,effusioni,tenerezze di qualsiasi tipo?è vero che,il terapeuta,non può rivolgersi al paziente con appellativi del tipo:"Io sono,per te,come un padre"."Tu sei,per me,come un figlio"?è vero che,il terapeuta,non può,ad es.,aiutare il paziente a reperire un impiego oppure a superare gli esami universitari,mediante raccomandazioni?è più importante la qualità o la frequenza temporale delle sedute?Mi spiego meglio:è preferibile un terapeuta che,lavorando in servizio pubblico e,seguendo quindi un vasto bacino d'utenza,offre incontri sporadici;ma comunque proficui oppure incontri frequenti,ma infruttuosi?è deleterio che,un paziente,in un transfert,si affezzioni filialmente al terapeuta?Lo veda,insomma,come un genitore(specie se il genitore effettivo non c'è più o non c'è mai stato)?Se un paziente sente denigrare,da un collega,il propio terapeuta:come si deve regolare?Come si procede se,il paziente,a seguito delle calunnie udite,non ripone fiducia nel terapeuta;ma,al contempo,non riesce a staccarsi da costui,perchè lo vede come un referente affettivo assimilabile ad una figura paterna?Grazie per l'attenzioneConfido in vostre risposte
Risposta di:
Dr. Vittorio Tripeni
Specialista in Psicologia e Psicoterapia
Risposta
Gentile utente, le segnalo il documento "Codice deontologico degli psicologi italiani" pubblicato nel sito dell'ordine Nazionale degli Psicologi alla pagina : http://www.psy.it/codice_deontologico.html Sono certo che tale documento risponde a tutti i suoi interrogativi.
TAG: Psicologia | Salute mentale | Terapie
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!