07-06-2017

Edema del meato uretrale

Gentilissimi Signori, buongiorno e grazie se avrete voglia di rispondermi. Cercherò di essere il più breve possibile. Partendo dal presupposto che negli ultimi due mesi mi alzavo alle 5 di mattino e finivo le mie giornate alle 22, tra lavoro, tirocinio per un corso e pure esercizi di palestra, compresi carichi appena alzato, il 1 Aprile, dopo una masturbazione eccessiva, (per la troppa stanchezza negli ultimi giorni avevo difficoltà nello eiaculare e sentivo il glande poco lubrificato), mi sono spuntate come due piccole labbra intorno al meato uretrale (nonché mi ero lavato con sapone normale invece che quello intimo, dopo la masturbazione). Essendo un weekend, non potendo andare dal medico di famiglia, ho fatto la cavolata di mettere pomate come connettivina e connettivina plus, nonché soffrendo di dermatite seborroica, ho messo della keluamide.

Il lunedì, quindi due giorni dopo, vado dalla dottoressa che non c'è e ritrovo un sostituto, escludiamo cause sessuali poiché l'ultimo rapporto completo, avuto, è stato quest'estate ed ho sempre usato protezioni nonché donato sangue e sarebbe risultato, e l'ultimo rapporto non completo, ovvero solo un orale, è avvenuto tre settimane prima del 1 aprile. Quindi mi dice che è una cosuccia e prescrive Gentamicina e betametasone, mattino e sera per tre giorni poi solo sera per altri tre.
Dopo i primi tre giorni, mi viene herpes labiale e interrompo terapia pensando creasse problemi con l'herpes (di cui ho sempre sofferto), poi tre giorni dopo torno dalla dottoressa, c'è proprio lei, mi dice che non dovevo interrompere e di rimettere per tre giorni, e visitandomi dice anche lei che non è niente. Metto la crema, non passa, così provo a mettere aloe vera gel biologico "I provenzali", per tre giorni, mattino e sera ma non ho effetti. Considerando, inoltre, che sono ovovegetariano (esami sempre perfetti, nessuna carenza) e mangio tantissima verdura cruda, cereali integrali, succhi di melograno, mirtilli rossi e classici, The verde, curcuma ovunque, aglio e cipolla ovunque, il che mi farebbe pensare che i batteri sono tutti belli che morti nel mio corpo.

Così decido di andare da un dermatologo, che mi dice che è uretrite/edema probabilmente causato da clamidia che può essere stata latente per anni e beccata per rottura di preservativo senza che me ne accorgessi. Così mi prescrive fucicort tre volte al dì più zitromax due pastiglie la prima sera (1000 mg) e una per quattro sere. Finita la terapia, zero risultati. Secondo la mia dottoressa, guarirà da solo, non devo fare tamponi come ho chiesto e non mettere più niente. In tutto ciò, non ho mai avuto pruriti, dolore durante minzione o eiaculazione (mi sono masturbato solo una volta/due ogni due settimane dal 1 aprile, per paura di ristagno dello sperma e problemi alla prostata), perdite di pus o altro, urine perfette e flusso regolare. L'ho obbligata a prescrivere tampone, e risulta tutto negativo. Lei non vuole farmi impegnativa per urologo (ho un sacco di spese e sono inoccupato ora quindi per via privata se posso evito), dice che guarirà ma sono passati due mesi ormai, e non è guarito. Alcuni giorni è più roseo, altri più rosso. Sto lavando con bicarbonato e acqua, come consigliato dalla dottoressa dove ho effettuato tampone. Avete consigli? È normale che permanga dopo due mesi? Andrò da un urologo al più presto, ma potreste rassicurarmi seppur a distanza/avete idee?

Risposta di:
Dr. Antonino ArenaDottore Premium
Specialista in Allergologia e immunologia clinica e Dermatologia e venereologia
Risposta

Un semplice edema del meato uretrale, che peraltro non le crea alcun sintomo particolare, in mancanza di altre manifestazioni e con tutti gli esami negativi, mi propende a tranquillizarla per il momento. Spesso queste manifestazioni possono persistere per un po' di tempo e scompaiono spontaneamente. Non utilizzi rimedi, creme o farmaci senza avere consultato uno specialista o il suo medico.

TAG: Dermatologia e venereologia | Infezioni | Organi Sessuali | Pelle | Urologia
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!