Logo Paginemediche
L’ESPERTO RISPONDE

decorso problematico

Quasi 3 mesi fa ho subito un intervento di circoncisione totale e al frenulo breve, il post operatorio è molto travagliato in quanto il giorno successivo mi sono svegliato con il pene gonfio e un vistoso salsicciotto nella parte sinistra del pene dove era il frenulo,il glande era di colore giallo.Alla prima visita il prof. che mi ha operato ha detto che il gonfiore era dovuto al trauma operatorio e il colore giallo era il liquido (siero) post operatorio.Dopo più di un mese è caduto l'ultimo punto e la parte superiore del glande dietro il meato uretrale è tornata del colore normale mentre la parte sotto il meato è ancora un pò gialla.A distanza di 2 mesi è presente ancora un edema "salsicciotto" nella parte sinistra che la sera si sgonfiava quasi completamente mentre la mattina quando mi svegliavo ritrovavo leggermente gonfio.Da circa un settimana invece questo salsicciotto durante la giornata non si sgonfia più come prima arrivato alla sera rimane leggermente gonfio. Ho fatto diversi molti controlli con il prof. che mi ha operato e mi dice sempre la stessa cosa quando mi visita che è un edema di non preoccuparmi.Quando tengo il pene all'insù aderente all'addome si sgonfia se lo rimetto giù si rigonfia,ho fatto anche un eco-color doppler dove è risultato tutto ok.Premetto che una settima dopo l'intervento ho preso l'Orudis in compresse e ho fatto per 6 giorni Augmentin 1000 ma non si era sgonfiato il glande ha ripreso in parte il proprio colore come scritto prima,Sono andato 10 giorni fa dal medico di famiglia il quale mi ha dato Denzen in compresse una la mattina e una la sera, ma niente. Premetto che sono una persona molto ansiosa,e stò vivendo ormai nello sconforto più totale,vi giuro dormo poco e male sempre ansioso perche ho tanta paura di dovermi rioperare di nuovo, fumo tanto e senza esagerare non riesco più a vivere penso sempre al mio pene che non guarisce,l'unico aspetto "positivo" è che in erezione non mi da fastidio, il glande si ingrandisce molto, penso pero che questo sia dovuto all'edema giusto?Ha questo punto secondo voi è necessario un nuovo intervento chirurgico per eliminare l'edema/salsicciotto?Se si come si svolge dovrò tornare di nuovo in sala operatoria?L'anestesia sarà locale alla base del pene come quando mi sono operato?Mi scuso per la lunghezza del mio messaggio ho voluto essere il più preciso possibile, ma credetemi sono 3 mesi che non vivo più e sinceramente non ce la faccio più, sentirsi dire tranquillo passa e invece non vedere la luce e massacrante.Grazie
Risposta del medico
Specialista in Urologia

Gentile Signore,

innanizi tutto ci pare che la sua reazione emotiva a questa situazione sia più che esagerata. La classica tempesta in un bicchir d'acqua è dunque scatenata dal più banale dei problemi e dal più semplice degli interventi che venga praticato nella specialità urologica? Ci pare ovvio ricordarle che ben altri sono i veri problemi seri e gli interventi impegnativi con i quali noi specialisti ci troviamo ad aver a che fare tutti i giorni. Non per questo la sua situazione non merita considerazione ma ... insomma ... cerchiamo di mantenere i piedi per terra! Per quanto la sua sitauzione sia stata accurata, noi a distanza mai potremo giudicare con appropriatezza nell'impossibilità di un controllo diretto. Se non vi è impaccio all'erezione, codesto "grosso problema" è dunque solo estetico e non funzionale, quindi addiruttura al di fuori delle competenze strettamente urologiche. Accade talora che la stabilizzazione della ferita chirurgica della circoncisione evolva in modo irregolare, per motivi legati al tipo di cicatrizzazione, imprevedibile prima dell'intervento. Dopo 3 mesi la situazione dovrebbe già esssere sufficientemente assestata. Se la deformità è proprio "intollerabile" è certamente possibile eseguire una piccola revisione. Trattandosi di una parte limitata, è perlopiù sufficiente una piccola infiltrazione locale di anestetico e non l'anestesia tronculare alla base del pene. Bando ad un ansia del tutto ingiustifcata, parli apertamente delle sue esigenze con il nostro Collega che l'ha operata. Non sarà difficile trovare un accordo.

Saluti

Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Urologia
Roma (RM)
Specialista in Andrologia e Urologia
Roma (RM)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Urologia
Asti (AT)
Specialista in Urologia
Prov. di Vicenza
Specialista in Urologia e Chirurgia dell'apparato digerente
Roma (RM)
Specialista in Urologia e Andrologia
Prov. di Roma
Specialista in Urologia e Allergologia e immunologia clinica
Montevarchi (AR)
Specialista in Urologia
Pellezzano (SA)
Specialista in Urologia e Andrologia
Palermo (PA)
Specialista in Urologia
Peschiera del Garda (VR)