30-09-2012

epistassi ricorrente

Salve. Mio padre è stato ricoverato due settimane fa in ospedale per epitassi molto forte dal naso. Nel primo ricovero hanno "pensato" che fosse dovuto da un picco elevato di pressione (infatti è arrivata a 240) e quindi hanno fatto varie analisi tra cui quelle del sangue, tac alla testa, doppler alla carotide e rilevamento della pressione, ma è uscito tutto negativo. Intanto il suo naso è stato zaffato. E' stato dimesso con una pillola per regolarizzare la pressione, senza una diagnosi precisa. Semplicemente Epitassi.Il giorno dopo papà prende la pillola e dopo un paio di ore l'epitassi fortissima si ripresenta e viene riaccompagnato all'ospedale, stavolta viene trasferito in un altro ospedale dove viene visitato in pronto soccorso e gli viene zaffato di nuovo il naso. Gli hanno ripetuto di nuovo le analisi, tracciati, tac ecc...ma nulla di nulla. Lui sembra un pò intontito dalla situazione, ha paura tantissima paura, perché quando provando a cambiatgli la medicazone dal naso, l'epitassi si fa estremanete forte e non può stare senza. Al punto che vuole essere sedato o addirittura addormentato per non sentire questo dolore atroce. In tutto questo loro non sono in grado di fornirmi una risposta decente, ci dicono che quasi sicuramente è la pressione, probabilmente emotiva, ma papà è semore stato sano come un pesce, non ha mai preso medicinale, se non ché lo zirtec per l'allergia e hanno giustificato lultimo svenimento di mio padre con la possibilità che uno su un milione con questa pillola che regloa la pressione può avere cali di pressione molto bruschi Mi dicono che papà deve stare calmo e non agitarsi, ma il suo problema maggione e il dolore molto forte e continui mal di testa. Per favore mi dica se ha a vuto problemi del genere con altri pazienti e cosa posso dire al medico. Premetto che papà ha 55 anni e non hai MAI sofferto di nulla.grazie
Risposta di:
Dr. Domenico Di MariaDottore Premium
Specialista in Otorinolaringoiatria
Risposta

Gentilisismo Paziente

comprendo l'apprensione.

E' indicata una endoscopia nasale diagnostica per individuare il punto eventualmente sanguinante.

Io che mi interesso di chirurgia nasale la eseguo sempre.

Le invio il link del mio sito per ulteriori delucidazioni e resto a disposizione.

http://www.domenicodimaria.it/index.php?option=com_content&view=article&id=78:endoscopia-diagnostica-in-otorinolaringoiatria&catid=43:endoscopia-&Itemid=70

Con cordialità.

Dott. Domenico Di Maria

TAG: Otorinolaringoiatria