Gentile dottore, il mese scorso sono stata sottoposta a gastroscopia per sindrome dispeptica (più che altro nausea e pesantezza dopo i pasti) che si prolungava da oltre un mese. Le conclusioni del referto sono le seguenti: Esofagite distale erosiva di grado A, secondo Los Angeles; gastropatia non atrofica. In seguito a tale esame mi è stata prescritta una terapia con IPP a dosi piene e Esoxx One. Devo dire che la terapia mi ha un po' stupito perchè non ho mai avvertito sintomi di reflusso e la mia alimentazione è abbastanza sana. Oggi mi è arrivato il referto istologico che riporta quanto segue: Biopsia mucosa duodenale: mucosa duodenale con architettura dei villi evidente e con flogosi cronica linfoplasmacellulare della lamina propria Biopsia mucosa gastrica: Gastrite cronica (+ -) non atrofica, a lieve attività (+ - ) Ricerca Hp: negativa Vi sarei grata se poteste chiarirmi meglio questo referto (che potrò portare al mio medico solo a metà della prossima settimana). In particolare non ho ben chiara la parte relativa al duodeno. Inoltre vorrei sapere se sulla base del referto istologico debba essere modificata la terapia che sto seguendo. Grazie e buon lavoro.