18-07-2006

Gent. dott. spero di essere ascoltato mio padre e'

Gent. dott. spero di essere ascoltato mio padre e' infetto da epatite c dal 1986 tramite trsfusione, si è sempre sottoposto a controlli specifici i risultati erano nella norma ma ultimamente associando al dolore della perdita di una persona cara gli ultimi controlli marzo 06 i valori erano sballati e alla fine ci hanno consigliato di fare HCV-RNA QUALITATIVO QUANTIFICATIVO CON GENOTIPO I VALORI SONO "HCV-RNAQUALITATIVO POSITIVO SENSIBILITA 50UI/ML metodo pcr, HCV-RNA QUANTITATIVO 3,00 X 10^6 UI/ML SENSIBILTA 30UI/ML RANGE DI LINEARITA 30-200 MILIONI UI/ML metodo pcr-rt, metodica utilizzata: cobas taqman roche GENOTIPO HCV 1a metodo ibridazione inversa. Scusate se sono stato lungo ma volevo illustrarvi un po un quadro di mio padre. Con cura di interferone riuscira a stabilirsi o qual e la cura migliore?
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
La terapia per l’infezione da HCV è basata esclusivamente sull’interferone associato alla ribavirina. Tuttavia esistono dei criteri di esclusione che vanno attentamente valutati prima di affermare la fattibilità di tale terapia. L’età avanzata potrebbe essere infatti motivo di esclusione.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!