Gent. Dottorea seguito di disturbi (testicoli a volte leggermente gonfi, fastidio all'inguine come se portassi mutande strette, leggeri bruciori, e prurito intorno al glande con arrossamenti) ho effettuato una visita urologica dove mi è stato riscontrato un flusso debole flusso mass. 4. Ho effettuato quindi una retrografia retrogada risultata regolare e una cistoscopia dove mi è stato riscontrata la sclerosi del collo vescicale.Effettuato l'intervento di incisione collo vescicale + turp (turp consigliatomi per evitare di dover ripetere l'intervento anche se non in presenza di ipertrofia prostatica) per un paio di mesi tutto è proceduto per il meglio flusso max. 14.Ora il flusso minzionale è calato (max. 10) ed inoltre presento uno sgoggiolamento finale non presente nei primi due mesi associato a leggeri disturbi quali testicoli leggermente gonfi e arrossamento e prurito intorno al glande.Ho effettuato esami dell'urine con urinocoltura risultati negativi.Potrebbero essere sintomi di una prostatite cronica? (oltre naturalmente alla sclerosi del collo vescicale).E' normale che dopo due mesi il flusso minzionale si assesti?Grazie per l'attenzioneCordiali saluti