03-04-2008

Ho 47 anni e da sempre sono ipotesa e soffro

Ho 47 anni e da sempre sono ipotesa e soffro spesso di mal di testa. La mia PA è al max. 90/70. Circa due mesi fa avvertivo sempre una certa stanchezza e quindi sono andata dal mio medico di base, il quale visitandomi mi ha sentito delle extrasistole. Mi ha consigliato di rivolgermi ad un cardiologo il quale mi ha fatto un RCG e un Holter 24 ore. L’esito di questo ultimo è il seguente: Ritmo sinusale alternato a periodi di FA e ritmo atriale con wandering PM in assenza della regolare escursione nictemerale della FC. Sporadiche extrasistoli ventricolari bimorfe (una morfologia dominante) isolate eccetto 2 battiti bigemini e una coppia. Numerosissime extrasistoli sopraventricolari isolate, in salve e in numerosi episodi di tachicardia. Assenti pause patologiche (> 3 sec). Non alterazioni significative dell’ST-T rispetto al tracciato di base. Pz asintomatica per cardiopalmo durante la registrazione. Faccio notare che durante la registrazione avevo avuto problemi di digestione, come per altro mi succede ogni tanto quando mangio in modo un po’ diverso dal solito. A fronte di questo esito il cardiologo mi prescrisse: Rytmonorm 325 mg 1 cp al dì e Cardioaspirina 1 cp a pranzo. D’accordo con il mio medico di base, per sicurezza ho consultato un secondo cardiologo il quale mi ha prescritto Rytmonorm 150 mg 2 cp al dì, spiegandomi che riteneva meglio l’utilizzo di due comprese più leggere visti i miei problemi di stomaco. Ho iniziato la terapia del secondo cardiologo e per primi 10 giorni è andato tutto bene, anche se fin dall’inizio dell’assunzione delle pastiglie ho iniziato ad avere un po’ di disturbi del sonno (insonnia e incubi notturni). Dopo 10 giorni ho iniziato ad avere spesso mal di stomaco e il mio medico mi ha prescritto una compressa di Mepral al giorno. Ho iniziato anche a stare molto attenta nell’alimentazione e a fare piccoli pasti frequenti: in questo modo non ho più avuto mal di stomaco ma per contro aumentava il mal di testa, dopo circa 2-3 ore dall’assunzione del Rytmonorm. Su prescrizione del cardiologo la scorsa settimana ho ripetuto l’Holter e l’esito è stato il seguente: Ritmo sinusale per tutta la registrazione con normali escursioni della FC in base al ritmo nictemerale ed all’attività, ma con valori medi lievemente elevati. Non BEV. Numerosissimi BESV con coppie, salve, tratti di Tachicardia SV (la più lunga è di una trentina di battiti a 130/m) e brevi (2 o 3) lembi di FA ( di durata non superiore a 40 sec.) Non blocchi né pause patologiche. Non alterazioni in senso ischemico di ST-T. D’accordo con il mio medico di base, ho sospeso l’assunzione del Rytmonorm perché veramente non ne potevo più visto che avevo anche frequenti stati ansiosi e notti insonni con mal di testa. Sono molto preoccupata della mia situazione e veramente non so cosa fare. Sarei grata se qualcuno sapesse darmi qualche consiglio, eventualmente indicandomi qualche centro specializzato dove poter andare.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Carissima, se il farmaco che assumevi era poco tollerato è stato giusto sospenderlo. Questi episodi di tachicardia parossistica o fibrillazione sono talvolta legati ad alterazioni strutturali per cui sarebbe giusto eseguire intanto un ecocardiogramma per valutare le dimensioni e la funzionalità delle camere cardiache . Successivamente individuare il farmaco idoneo per il trattamento. Devo inoltre aggiungere che queste aritmie spesso sono legate a momenti di tensione o a difficoltà digestive se non si dimostrano alterazioni strutturali che potrebbero essere trattate. Ti consiglio comunque di parlarne con il tuo medico curante che saprà indirizzarti verso un centro idoneo nella tua sede di residenza. Ciao
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare