Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Medici
  • Salute A-Z
  • Per le aziende
L’ESPERTO RISPONDE

Ho paura che ci sia qualcosa che non va

Salve, ho 24 anni e sono ancora vergine... Da circa un paio d'anni, ho scoperto altri modi per masturbarsi, come la oenetrazione con dito. Purtroppo, ogni volta che lo faccio, mi fa male. Avverto un bruciore, come se toccassi una zona OFF LIMITS.. Mi fa male, perché andando più a fondo non sento piacere, ma solo bruciore, un po' come quando si deve andare in bagno, ma si avverte bruciore. Come mai? Ripeto, mai avuto rapporti, potrebbe essere questo la causa? Ci sono modi per evitare il dolore? Quando sono ben lubrificata non provo dolore, ma non avverto quasi nulla..
Mai fatta una visita ginecologica. Inoltre, mia madre ha l'utero retroverso, non so se possa averlo anche io, poiché non ho mai effettuato una visita ginecologica. Grazie mille!

Risposta del medico

Gentile ragazza, il dolore e bruciore che avverte quando tenta la penetrazione con un dito potrebbe essere collegato ad una particolare resistenza a livello dell'imene, se questo fosse ancora del tutto o parzialmente presente,oppure ad una forma di vaginismo, vale a dire di contrazione involontaria dei muscoli che circondano l'imboccatura vaginale, oppure ancora ad uno stato infiammatorio locale, magari aggravato da una non sempre adeguata lubrificazione. Il fatto che riporta che quando è regolarmente bagnata non avverte dolore farebbe quasi quasi propendere per quest'ultima ipotesi, ma le variabili da prendere in considerazione sono molte. Tenga comunque presente che la sensibilità alla stimolazione dei genitali, pur presentando una notevole variabilità individuale correlata con le possibili differenze anatomiche soggettive delle vie nervose deputate alla conduzione degli stimoli erotici, è prevalentemente concentrata a livello del clitoride ( che generalmente è il punto cruciale per determinare la risposta orgasmica) e del terzo più "esterno" della vagina e va invece riducendosi verso l'interno. Non ritengo che la posizione dell'utero, nel suo caso specifico, possa influire sulle sensazioni dolorose. Quanto esposto sono naturalmente considerazioni generali che sarebbe consigliabile lei potesse valutare con una visita di persona presso un suo medico di fiducia, con particolare preparazione nel campo delle problematiche sessuali. Cordiali saluti Piergiorgio Biondani.

Risposto il: 26 Maggio 2020
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali