09-10-2016

HPV nell'uomo

Salve, avrei bisogno di qualche chiaramento urgente relativo alla HPV. Purtroppo mi trovo all'estero e ho avuto qualche difficoltà con la lingua dove mi sono fatto controllare, per questo apprezzerei se qualcuno fosse in grado di chiarirmi i seguenti dubbi.
Mi sono spuntati da qualche settimana dei condilomi alla base del pene. I 2 più evidenti mi sono stati rimossi da una dermatologa, che mi ha prescritto una crema (Aldara) da applicare per 6 settimane (5g a settimana) nell'area. La dermatologa mi ha confermato che si tratta di HPV e ha inviato i condilomi rimossi per delle analisi.

Queste sono le mie domande:
  1. dato che ho sempre usato il preservativo, immagino che tale virus si possa contrarre col semplice contatto. Quali sono le percentuali? Cosa avrei potuto fare per prevenire il contagio a parte l'astinenza?
  2. Se parti del mio corpo vengono a contatto con la zona dei condilomi, c'è la possibilità che essi si diffondano?
  3. Mi sembra di capire che il virus resterà a vita (come l'herpes). Come è possibile evitare il contagio verso altri in futuro? Ci sono delle fasi diverse in cui il contagio sia più meno o probabile?
  4. Ho letto online che il tipo di HPV che genera i condilomi genitali non è lo stesso tipo che può portare (in casi estremi) a tumori, confermate?
  5. Relativamente alla sfera sessuale, c'è qualcosa di specifico che dovrò evitare nel breve e lungo termine? Potrò tornare a una vita sessuale 100% come prima?
  6. Rapporti orali senza preservativo sono ora a rischio contagio? In caso affermativo, solo nel breve termine?
  7. Il semplice contatto di un partner nella zona dei condilomi es. (mano-genitali), può essere contagioso? In caso affermativo, solo nel breve termine?
  8. Nello specifico questo weekend sarò a contatto con un partner che al momento non è a conoscienza della sitauzione. Essendo un argomento particolarmente sensibile, e considerando la mia situazione e le percentuali di rischio relative, cosa mi è permesso o sconsigliato relativamente alla sfera sessuale?
  9. Nello specifico la crema che mi è stata prescritta a cosa serve esattamente? Si tratta solo di una rimedio estetico per far sparire i condilomi? Grazie, saluti.
Risposta di:
Dr.ssa Sonia Maria DevillanovaDottore Premium
Specialista in Dermatologia e venereologia e Tricologia
Risposta
Difficile rispondere in ordine alle sue numerose domande. L'HPV che determina i condilomi ha una trasmissione per via sessuale. È altamente contagiosa e recidiva con grande frequenza. I sierotipi virali implicati sono oncogeni, determinano il tumore del collo dell'utero nella donne e meno frequentemente il tumore del pene. Non rimane nell'organismo ma si può ricontagiare se non si curano entrambi i partner.
Il protocollo da noi utilizzato è la bruciatura e l'imiquimud o Aldara che sopprime le recidive e cura le lesioni in via di formazione. La posologia è di 3 volte a settimana per 16 settimane. Ovviamente tutte le pratiche sessuali anche lo sfioramento dei genitali possono causare lesioni basta che ci sia una piccola abrasione, stessa cosa per i rapporti orali. Durante la terapia con Aldara è praticamente impossibile avere rapporti visto gli effetti del chemioterapico. Normalmente si fanno controlli ogni 6 mesi. Profilattico d'obbligo così come avvertire il o i partner...se no si rischia un effetto a ping pong. Cordiali saluti Dott.ssa Sonia Devillanova
TAG: Andrologia | Dermatologia e venereologia | Infezioni | Organi Sessuali | Salute maschile | Sessualità | Urologia | Virus
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!