Buonasera dottore,mi rivolgo a lei visto che sono molto giovane e non posso assolutamente confidare i miei problemi in questo campo a mia madre, quindi non saprei come risolverli. Le illustro subito la mia situazione, forse un po' imbarazzante. E' ormai da circa un mese che con il mio ragazzo stiamo cercando di avere la nostra prima volta (io sono... Leggi di più vergine) ma con scarsi risultati.. Inizialmente pensavamo fosse una cosa puramente psicologica, io avevo molta paura e pensavo che le difficoltà potevano dipendere da questo, forse ero troppo tesa. Le volte successive però, soprattutto le ultime due volte che ci abbiamo provato, non mi sentivo quasi per niente tesa e la paura era davvero minima, eppure appena all'inizio della penetrazione provo un dolore molto forte, che poi ho provato a sopportare, accompagnato da una specie di bruciore, e sento proprio un "blocco fisico" (sicuramente sarà l'imene) che sembra impossibile da rompere anche dopo vari tentativi. Sto iniziando a pensare che forse ho qualche malformazione fisica o qualche malattia che impedisca la penetrazione, siamo davvero preoccupati, ormai iniziamo ad arrivare alle conclusioni più tragiche che spero non siano quelle esatte.. . Cosa possiamo provare ancora prima di consultare un medico!? Andare in uno studio medico infatti non mi risulta molto facile e vorrei sapere se c'è qualche ulteriore prova o se è inutile continuare a tentare.. Inoltre ho una grande paura che questo problema continuerà a sussistere e che dunque io non riuscirò mai ad avere un rapporto completo, magari appunto per qualche malformazione o non so per cosa.. Questo è possibile!? La ringrazio in anticipo per il servizio molto utile che offre.Cordiali saluti