08-04-2008

In data 14/07/07 il valore della transferrina

In data 14/07/07 il valore della Transferrina Desialata è risultata 1,9% (L'ASL di Mantova considera valore normale un risultato inferiore a 1,3%); risultato "temporaneamente non idoneo". In data 24/08/07, dopo 3 settimane di nessuna assunzione di bevande alcoliche, presso un laboratorio privato la Transferrina Carboidrato Carente è risultata 1,4% (in una forchetta compresa tra 0 e 2,6). Una settimana dopo presso l'ASL il valore riscontrato è stato di 0,6%; risultato "idoneo per 6 mesi". In data 25/01/08, a seguito dei bagordi domestici di Natale, Capodanno ed Epifania (mai alla guida), il valore della CDT nel laboratorio privato è risultato 1,8% e quindi compresa nei valori di riferimento. In data 16/02/08 presso l'ASL e coll'assunzione nelle 3 settimane antecedenti di solo un paio di birre in tutti i fine settimana, la CDT è risultata di 1,3% (limite massimo consentito solo sulla carta); risultato "temporaneamente non idoneo". In data 21/03/08 sempre nel laboratorio privato la CDT riscontrata è stata di 1,6%, con le ultime birre consumate in data 29/02 e 01/03. Il giorno seguente all'ASL la CDT è risultata di 1,0%. Se nel primo confronto fra le metodologie differenti di riscontro della CDT i dati risultavano concordi (distanza di una settimana fra i 2 prelievi), nel secondo (distanza di 3 settimane) i risultati ufficiali sono risultati superiori a quelli del laboratorio privato e lo stesso si è verificato nel terzo confronto, nonostante un solo giorno fra un prelievo e l'altro. Mi domando: perché, al di là della metodologia di riscontro della CDT, questa differenza? Dov'è possibile scaricare da internet il protocollo alla quale la Commissione Patenti si attiene nel dare l'OK o il KO per il rinnovo della patente? Quali altre cause possono alterare il valore della CDT, considerando che io fumo un paio di pacchetti di sigarette al giorno, e ho l'Epatite C da ormai oltre 10 anni, che tengo sotto controllo con l'alimentazione e con prodotti erboristici?
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Non siamo al corrente di siti internet dove poter scaricare il protocollo al quale la Commissione Patenti si attiene, né esistono linee-guida in merito. Esistono numerose cause tuttavia che possono determinare alterazioni del valore della CDT. Ad esempio le alterazioni del bilancio del ferro. Soggetti con sovraccarico di ferro presentano livelli più bassi di CDT mentre soggetti con bassa sideremia presentano livelli di CDT più elevati. Inoltre la terapia suppletiva di ferro determina un decremento dei valori di CDT in pazienti affetti da anemia sideropenica che non abusano di bevande alcoliche. Vi è una associazione tra valore medio di CDT e fumo di sigaretta; nei soggetti, alcoldipendenti, sia il fumo che l’apporto di bevande alcoliche appaiono correlati positivamente con l’incremento del valore della CDT Donne in periodo peri-menopausale sono caratterizzate da valori mediamente più bassi di CDT rispetto alle donne in pre-menopausa; CDT non può essere utilizzata come marcatore di consumo alcolico nei pazienti con epatopatia cronica in fase avanzata; in tali pazienti, infatti, i valori della CDT hanno un andamento parallelo al grado di insufficienza epatica nei pazienti con epatopatia sia alcol-relata che non (soprattutto nei pazienti con epatopatia HCV-relata): per tale motivo, la CDT deve essere utilizzata con cautela nei pazienti con patologia epatica, soprattutto quando il grado di cirrosi raggiunge lo stadio C del punteggio di Child-Pugh
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna