L’ESPERTO RISPONDE

Inappetenza... come fare?

Salve,Vorrei parlare di un problema che sto riscontrando negli ultimi giorni.Premetto che sono una ragazza di 19 anni piuttosto ansiosa e ipocondriaca e che da alcuni mesi continuo ad attribuire significato grave a qualsiasi tipo di sintomo che riscontro, da un mal di pancia ad un momento di stanchezza.Il fatto è che da un paio di giorni ho una... Leggi di più strana sensazione:tutto è iniziato sabato sera quando, mentre ero in coda per entrare in un locale con alcuni amici, improvvisamente sono stata colta da un malessere che credo sia stato un calo di pressione, con forte sensazione di caldo, sudorazione, nausea e giramenti di testa. Sul momento mi sono spaventata ma sedendomi per qualche minuto mi sono abbastanza ripresa. Da quel momento però mi è rimasta una sensazione di nausea e repulsione per il cibo fino alla mattina seguente.Ora non ho più nausea ma persiste il senso di inappetenza e repulsione verso il cibo: la cosa strana è che quando sono a stomaco vuoto da qualche ora sento la sensazione di "buco" allo stomaco e i brontolii come quando si ha fame, però se penso al cibo mi torna la nausea. Non capisco se il mio problema sia di natura psicologica o se effettivamente ci sia un problema.Ho avuto questa stessa sensazione per altre due volte negli ultimi mesi a seguito di indigestione e virus intestinale, ma dopo qualche giorno di "paura verso il cibo" sono tornata a mangiare normalmente, anche perché di base io ho sempre amato mangiare, e anche per questo motivo questa inappetenza improvvisa mi crea disagio.Infine in questi giorni ho il ciclo mestruale, sabato ho avuto forte mal di pancia e ho per altro iniziato ad assumere proprio sabato il mio primo contraccettivo ormonale (anello vaginale), non so se ci possa essere una correlazione con i miei sintomi.Cosa posso fare per risolvere questo problema? grazie in anticipo.

Risposta del medico
Specialista in Psicoterapia
Gentile ragazza, dal suo racconto sembra che un sintomo fisico venga amplificato dalla sua ipocondria, potenziata da immagini/pensieri negativi che non fanno altro che auto-alimentare il sintomo. Il mio consiglio, una volta escluse le cause organiche, è di rivolgersi a un bravo psicoterapeuta specializzato in ipnosi, o terapia cognitivo comportamentale, o, meglio ancora, ipnosi cognitivista. Saluti cordiali
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
articoli correlati
paralisi-decisionale-perche-non-riusciamo-a-scegliere--
Paralisi decisionale, perché non riusciamo a scegliere?
2 minuti
Paralisi decisionale, perché non riusciamo a scegliere?
Internet sicuro per i bambini: cosa si può fare
2 minuti
Internet sicuro per i bambini: cosa si può fare
Cos'è l'amore in psicologia?
3 minuti
Cos'è l'amore in psicologia?
Attacchi di panico: cosa sono e come gestirli
3 minuti
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Medicina interna e Gastroenterologia e endoscopia digestiva
Piano di Sorrento (NA)
Specialista in Colonproctologia e Chirurgia dell'apparato digerente
Cantù (CO)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Gastroenterologia e Chirurgia generale
Messina (ME)
Specialista in Gastroenterologia
Termoli (CB)
Specialista in Gastroenterologia e Epatologia
Roma (RM)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Pediatria e Gastroenterologia
Milano (MI)
Specialista in Gastroenterologia
Catania (CT)
Specialista in Medicina interna e Gastroenterologia
Spinea (VE)
Specialista in Psicologia e Psicologia e Psicoterapia
Pisa (PI)
Specialista in Psicologia e Psicoterapia
Firenze (FI)