06-07-2007

L'infezione da HPV richiede screening regolari

Ho ritirato da poco il referto medico della biopsia che ho effettuato presso l'ISTITUTO NAZIONALE TUMORI a Milano,e non ho capito bene la diagnosi, sarei grata se gentilmente mi spiegaste la situazione in modo più chiaro.

Materiale inviato: b. cervice

Diagnosi: frustoli bioptici riferibili a zona di trasformazione con coilocitosi HPV correlata associata a flogosi subacuta. In data 08/06/2007

Di seguito riporto il referto medico della biopsia effettuata in data 30/04/2007 presso l'Ospedale Civico di Palermo.

Materiale inviato:
a) biopsia portio
b) curettage canale cervicale

Diagnosi:
a) Frammenti di tessuto cervicale con modificazioni coilocitiche HPV correlabili,metaplasia squamosa immatura,Cin 1 ad estensione ghiandolare.Flogosi acuta associata a flogosi cronica aspecifica.

b) Scarso materiale muco-ematico e rari ed isolati epiteli ghiandolari privi di atipie citologiche.


Vorrei capire in sostanza, se le due diagnosi sono compatibili o se c'è una diversità di vedute o ancora un miglioramento in quella più recente rispetto alla precedente. Vi ringrazio anticipatamente, e nell'attesa di una Vs. risposta, porgo distinti saluti.

Filippo Dall'Orto
Risposta di:
Filippo Dall'Orto
Risposta
Gentile signora, in realtà tra i due referti l'unica sostanziale differenza è che nel primo viene segnalata la presenza di una CIN I (neoplasia cervicale intraepiteliale o displasia di grado lieve), che nel secondo non è presente. Ciò è in accordo con la storia naturale di questa malattia che prevede anche la possibile risoluzione spontanea e non solo l'evoluzione verso la neoplasia invasiva. Nelle displasie lievi infatti (meglio classificabili oggi come L-SIL e cioè Low-Grade Squamous Intraepithelial Lesion o lesione squamosa intraepiteliale di basso grado), è corretto anche adottare un management conservativo e tenere sotto controllo la lesione, effettuando al più una generica terapia antinfiammatoria, in quanto le cellule patologiche sono spesso eliminate dal nostro sistema immunitario. Permane tuttavia, nel suo caso, la presenza del virus del papilloma umano (HPV), di cui potrebbe essere utile effettuare la tipizzazione, attraverso lo studio del DNA virale. Esistono infatti dei ceppi del virus (6, 11, 16, 18, ecc...), sicuramente correlati al carcinoma della cervice, e che richiedono un monitoraggio più frequente, attraverso l'esecuzione del PAP-Test. Utile potrebbe essere anche l'assunzione di sostanze con attività immunomodulante come la lattoferrina, che non è escluso possa potenziare la risposta del suo sistema immunitario, determinando la completa eliminazione del virus. Altra opzione che prenderei in considerazione nel suo caso, è l'assunzione del vaccino per l'HPV, in quanto, anche in caso di infezione già presente da parte di uno dei ceppi virali per i quali il vaccino conferisce immunità, la sua somministrazione protegge dalle infezioni da parte degli altri ceppi. Nella genesi delle lesioni displastiche , infatti, giocano un ruolo importante le coinfezioni di diversi ceppi virali ed il loro equilibrio dinamico con la risposta immunitaria dell'individuo. Risposta a cura del Dott. Francesco Guida U.O.S.C. Ginecologia e Ostetricia A.O.R.N. "A. Cardarelli" - Napoli
TAG: Ginecologia e ostetricia | Organi Sessuali | Salute femminile
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!