Gentile dottore, ho 22 anni e da circa un mese mi sono accorta di un linfonodo ingrossato sotto la mandibola.Ho fatto un’ecografia il cui risultato è stato: tiroide in sede, nei limiti della norma per volume e ad ecostruttura finemente disomogenea in cui si delineano piccole calcificazioni e qualche lacuna ecopriva, a contenuto liquido, da riferire a follicoli colloidali; visibilità, in sede laterocervicale e sottomandibolare, bilateralmente, di alcuni linfonodi modicamente ingranditi, di tipo verosimilmente reattivo, di dimensioni diverse, dei quali il più grande, localizzato in sede S.M. sn., raggiunge il D.T. max di circa 19 mm.Dopodiché sono andata da un otorino che mi ha detto che ho la rinosinusite e mi ha prescritto l’aereosol per 4 settimane. Sono passate 2 settimane e mezzo e il linfonodo è ancora presente. Circa un anno fa ho fatto le analisi della tiroide ed era tutto nella norma. Le ultime analisi che ho fatto risalgono a circa 4 mesi fa ed era tutto nella norma, compreso i globuli bianchi. Inoltre, non so se la cosa possa essere collegata, porto anche l’apparecchio ortodontico fisso e, quando lo toglierò (a breve) il dentista ha detto che dovrò mettere il bite per il bruxismo. L’ingrossamento di questi linfonodi possono essere dovuti da qualche patolgia tipo tumori? Non riesco a capire perché non si sgonfiano.