Ho 45 anni, tiroidite di Hashimoto e portatrice di fattore V di Leiden.Da qualche anno ipoacusia bilaterale, per il persiste di tale disturbo nel 2009 eseguivo rmn encefalo che evidenziava la presenza di gliosi in sede sopratentoriale. Nel luglio 2009 visita neurologica che evidenziava prove antigravitarie positive romberg positivo, ipostenia agli... Leggi di più arti di destra . Eseguivo rmn cervicale e elettroneurografia del nervo surale tutto nella norma eccetto l'esame vestibolare che evidenziava iporeflessia vestibolare destra. Diagnosi deficit neurologico di forza di causa sconosciuta. Mi viene consigliato di fare ogni 6 mesi visita neurologica. A gennaio 2010 al controllo mi viene data la cardioaspirina per il mio fattore di Leiden. A giugno 2010 per il persistere dell'emiparesi mi viene prescritta altra rmn e rachicentesi. Nel frattempo a metà mese improvvisamente comincio ad avere il braccio sinistro intorpidito e formicolio, contatto il neurologo il quale mi dice di andare al pronto soccorso e fare una Tac. La tac risulterà negativa ma mi ricoverano per sospetta S.M. Durante tale ricovero eseguo rmn con mdc encefalo che evidenzia alcune aree iperintense in T2 e Turbo-flair a carico della sostanza bianca frontale sottocorticale bilateralmente compatibile con foci gliotici. Non si rilevano aree di diffusione ristretta compatibili con lesioni ischemiche recenti, a arico del parenchima encefalico. Elettroencefalogramma: presenza di alterazioni elettriche modeste in regione temporale bilateralmente (aspecifiche). Effettuo rachicentesi il cui esame è è negativo e sono in attesa di una diagnosi che penso sia sconosciuta come nel primo ricovero in dh. Secondo lei è un problema neurologico o vascolare dato che il problema persiste e non mi fa vivere bene? Grazie