Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

04-11-2012

mi sento come Fantozzi

Quando ho un problema lavorativo ,in particolare, penso sempre a quel problema che non risolvo poi non dormo e questo crea in me disagio che si vede anche dal di fuori perchè non sono tranquilla , mi rimbecillisco e mi sento impacciata.Non riesco ad essere più menefreghista e soffro inutilmente.Siccome mi faccio condizionare molto faccio miei problemi che sono chiaramente di altri. Mi potete dare un consiglio per vivere più alla leggera e dormire anche?MI sento molto come Fantozzi.
Risposta di:
Dr. Vittorio Tripeni
Specialista in Psicologia e Psicoterapia
Risposta
Gentile signora, mi permetta una battuta: spesso vogliamo le soluzioni senza fare il punto sui problemi. Dalle sue parole comprendo che non vive bene l'attuale situazione e che spesso rimugina le sue difficoltà fino ad aumentare il disagio; aggiunge di essere capace di far suoi i problemi degli altri ... Ho informazioni molto limitate per esprimere un parere più circostanziato, tuttavia vorrei stimolarla a prestare più attenzione al fatto che spesso riesce ad essere coinvolta da eventi che non la riguardano direttamente. Secondo me, varrebbe la pena - in occasione di situazioni che attivano la sua sensibilità - chiedersi "qual è il problema" e "di chi è il problema". Impegnandosi a riconoscere che, nel momento in cui le difficoltà appartengono agli altri, è opportuno lasciare agli altri la eventualità di chiedere un suo aiuto. Soprattutto perché gli "altri" hanno un diritto esclusivo sulle difficoltà che appartengono loro. Aggiungo anche che, di solito, quanto facciamo nostri i problemi degli altri, questi ultimi si ribellano di fronte alla nostra illecita intromissione. Pertanto, il modo migliore per alleggerire la sua ansia, potrebbe essere quello di prestare più attenzione alle sue esigenze personali.
TAG: Psicologia | Salute mentale | Terapie
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!