14-05-2008

Mio padre oggi ha ricevuto i risultati della tac

Mio padre oggi ha ricevuto i risultati della Tac addomino-pelvica, ma causa la mia ignoranza in campo medico, non ci capisco nulla, e quindi sono a chiedervi se potete spiegarmi molto semplicemente cos'ha! Il referto cita: un incremento dei valori ematici di CEA e CA 19.9, riscontro ecografico di lesione focale epatica, riscontro endoscopico di neoplasia del colon discendente. Grossolana lesione epatica localizzata in topografia di VIII segmento, riferibile a lesione focale di significato sostitutivo secondario, di 58x45 mm. Rene destro marcatamente ipotrofico e con relativo ritardo funzionale rispetto al controlaterale, in assenza di segni di idro-ureteronefrosi. Presenza di lesioni focali ipo-dense di significato cistico in sede corticale renale bilaterale. In corrispondenza dei calci inferiori (dei reni), si osservano inoltre concrezioni calcifiche, senza dilatazioni dei bacinetti renali e dei relativi ureteri. Presenza linfonodi a livello del ventaglio mesenteriale, con diametro di circa !cm, ancora compatibili con linfonodi di significato reattivo. A livello del III medio del colon discendente, in corrispondenza dell'ala iliaca sinistra, si osserva ispessimento parietale con riduzione del lume intestinale. Prostata di dimensioni modicamente incrementate rispetto alla norma, con ipertrofia delle vescicole seminali, in assenza di significative tumefazioni valutabili con la metodica TC. Calcificazione intra-prostatica. Quale reperto collaterale si segnala la presenza di grossolane bronchiectasie a destra in verosimili esiti. Presenza di lesione del colon discendente e di lesione secondaria epatica. MI AUGURO CHE QUALCUN MI POSSA AIUTARE A CAPIRE CIò CHE C'è SCRITTO! GRAZIE MILLE!
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Ci sembra doveroso premettere che ogmi interpretazione di referto medico va sempre valutato nel contesto clinico e mai avulso da quest’ultimo. Inoltre spetta ai medici che seguono da vicino il paziente dare a quest’ultimo ed ai suoi familiari ogni particolareggiata spiegazione circa la diagnosi e, soprattutto, la prognosi della condizione clinica, nell’ambito di quel rapporto medico-paziente che non deve assolutamente trovare alcun altro sostituto. In linea generale dal referto che riporta sembra rilevarsi il riscontro di un tumore dell’intestino con possibili metastasi epatiche.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna