Buongiorno, da circa tre anni, soffro di un fortissimo dolore sotto la pianta del piede dx. ho consultato più di un ortopedico, che mi da diagnosticato il neuroma di morton, e mi ha consigliato di fare una RM dalla quale si è evinto che esiste questa patologia... Ho eseguito x questo 3 cicli di infiltrazioni di cortisone, con le quali il dolore si... Leggi di più è prima ridimensionato, per poi ritornare più forte di prima.... pertanto, mi è stata consigliata l'asportazione chirurgica.Poichè non riuscivo ad effettuare l'intervento a breve termine (attesa in ospedale, dicirca 6/8 mesi) ed il dolore non mi dava tregua, mi sonoi recata a Milano, x effettuare una visita con uno specialista, e stabilire con lui una data per l' intervento, sperando che si potesse effettuare in temnpi più brevi, ma lo specialista, prendendo visione della mia RM, mi comunicava che non c'era NESSUN neuroma di morton, e che l'uso di plantari su misura avrebbero ruisolto il mio problema, indirizzandomi cosi da un podologo specializzato.Ho acquistato i plantari, li ho messi nelle scarpe, e ho fatto trascorrere i 4 mesi, in cui il problema si doveva, almeno in buona parte risolvere...il tempo di attesa è trascorso, ma nel frattmpo non è cambiato niente...l'unica cosa che è migliorata, è l'infiammazione sotto la pianta del piede, che si è ridotta.A questo punto non so più cosa fare...Mi chiedo se non esiste ancora un esame "specifico" x la diagnosi certa del neuroma di morton, visto che dei medici specialisti nelle patologie del piede hanno pareri discordanti, prendendo visione di una RM, e soprattutto , nel caso in cui dovessi avere il famoso neuroma e quindi se dovessi operarmi, vorrei sapere se potrò poi riuscire a ballare ancora il tango argentino, attività che svolgo x passione e per professone, oramai da diversi anni, e che al quale rinunciare mi dispiacerebbe immensamente...Grazie, Serena