30-10-2018

Paura contagio HCV

Salve, sono una studentessa di infermieristica e vi scrivo perchè sono molto spaventata per ciò che mi è accaduto: qualche giorno fa stavo facendo una terapia ad una paziente con hcv, dovevo farle un farmaco in bolo, quindi apro il tappino colorato dell'ago cannula, inserisco la siringa e spingo lo stantuffo. Probabilmente l'ago non era pervio, quindi schizza fuori tutto il farmaco, principalmente sulla mia divisa: la mia paura risiede nel fatto che avevo visto che l'ago era sporco di tracce di sangue, e non so se mi è arrivata qualche goccia negli occhi. Io non ho sentito nulla, ma ho paura che mi sia arrivata negli occhi qualche microgoccia impercettibile di farmaco misto a sangue, e che mi sia così infettata.

Le mie domande sono: 1) è vero che per essere infettati con hcv sono necessarie delle quantità di sangue abbastanza significative? 2) è possibile che mi sia infettata durante questo episodio? 3) durante le ore successive ho sentito come un "dolore" strano ad un occhio, può essere collegato a tutto ciò? 4) farò degli esami anti-HCV ad un mese esatto dall'accaduto: se negativi, potrò considerarli attendibili? e con che percentuale? 5) ad un mese di distanza, sono già evidenti le transaminasi alte qualora sia stata infettata? Vi ringrazio infinitamente in anticipo per le risposte che mi darete.

Risposta di:
Dr.ssa Ida Fumagalli
Specialista in Allergologia e immunologia clinica e Diabetologia e malattie del metabolismo
Risposta

Penso che tu possa escludere di esserti contagiata anche se sarebbe bene cosa che probabilmente hai già fatto che tu avvisassi la direzione sanitaria.

TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Giovani | Igiene e medicina preventiva | Infezioni | Virus
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!