Preg.mi, sono un uomo di 55 anni, alto cm.191 con peso di kg.93/94. Sono in cura dall'anno 2005 per depressione endogena maggiore in bipolare tipo 1, fobia ossessiva compulsiva, tratti psicotico schizofrenici, autolesionismo. La terapia farmacologica è la seguente: n.2 Depakin chrono 500, n.1 Daparox 20, n.6 Gabapentin 300, n.4 tavor 2,5 (in automedicazione), oltre a n.1 Valpression 40 per pressione, n.1 Cardioaspirina. Ultimamente sono molto più nervoso e agitato del solito, soprattutto nel pomeriggio, perché non so come passare il tempo. Non ho voglia di fare niente, non ho hobby, non riesco a concentrarmi, ecc. In estrema sintesi, ho perso la volontà di fare tutto, forse anche di guarire. In giorni molto difficili, esco per andare a bere e torno a casa ubriaco e cattivo (ci tengo, senza mai aver fatto male a nessuno, me la prendo con le cose). Presumo che la cura non sortisca più gli effetti sperati. Ne parlerò quanto prima con lo psichiatra del CSM che mi segue, attualmente molto impegnato, ma intanto vorrei avere un parere di massima, se ed in quanto possibile, da Voi. So che è praticamente impossibile, considerato che non conoscete la mia situazione, ma vorrei cortesemente sapere solo quello che la letteratura, in generale, indica per i sintomi su descritti. Concludo dicendoVi che negli ultimi tre mesi ho perso molto peso (circa kg.15) e ora sono molto debole, poiché il calo ha interessato principalmente la massa muscolare. Vi ringrazio in anticipo per il tempo che mi dedicherete, e porgendo i miei più sinceri saluti.