02-07-2012

PERIODICI CONTROLLI CLINICI

Egregio dottore, vorrei sottoporle la situazione di mio padre (83 anni).Esito ultima visita neurologica del 16/05/2012:CONTROLLO IPERTENSIONE IN TERAPIA CON ENALAPRIL. IPOACUSIA.SINDROME EXTRAPIRAMIDALE IN TRATTAMENTO CON SINEMET 100/25 1 CP X 2 E MIRAPEXIN 0.52 RP 1 CP/SERA.I FAMIGLIARI NEGANO EFFETTI AVVERSI DELLA TERAPIA CON DOPAMINOAGONISTI.IN DICEMBRE HA PRESENTATO DISTURBO DEL LINGUAGGIO E DIFFICOLTA' A MANTENERE LA STAZIONE ERETTA.E' STATO SOTTOPOSTO A TC CEREBRALE IN URGENZA ED ECODOPPLER TSA (GRAVE ENCEFALOPATIA VASCOLARE, PLACCHE CAROTIDEE CONSTENOSI 40-45% A SN, OCCLUSIONE VERTEBRALE DX).RECUPERO IN QUALCHE GIORNO.NEI MESI SUCCESSIVI ULTERIORE DIFFICOLTA' NEI MOVIMENTI PER CUI IL CURANTE HA AUMENTATO LA DOSE DI SINEMET PASSANDO A1 ORE 7 + 1/2 ORE 11 + 1 ORE 15 + 1/2 PRE 18.DOPO TALE MODIFICA NETTO MIGLIORAMENTO DELLA MOTRICITA'. I FAMILIARI RIFERISCONO DIFFICOLTA' NELL'INVERSIONE DELLA MARCIAE ASTENIA.EON: VIGILE, DISCRETAMENTE ORIENTATO, LIMITAZIONE SGUARDO VERTICALE VERSO L'ALTO, SEGNI FRONTALI.NON TREMOREBRADICINESIA E RALLENTAMENTO DEI MOVIMENTI DI ALTERNANZA RAPIDA.DISRIFLESSIA OT DX>SNSCP IN FLESSIONE PLANTARESI ALZA CON APPOGGIOMARCIA CON INCERTEZZA NELLA FASE DI AVVIO E NELLA ROTAZIONE.C: QUADRO CLINICO IN DISCRETO COMPENSO.SI CONFERMA LA TERAPIA. INDICATO CONTROLLO CARDIOLOGICO CON ECOCARDIOGRAMMA (CARDIOEMBOLISMO?)I sucessivi controlli cardiologici non hanno evidenziato problemi. Eseguita anche una visita fisiatrica (sempre su consiglio del neurologo) ma il fisiatra, con nostra sorpresa, ci ha detto la ginnastica o altri esercizi sono inutili in quanto i disturbi vengono dalla testa e non c'è niente da fare !Capisco che la vita fa il suo corso, ma come figlio vorrei poter rallentare questo decadimento. Chiedo consigli non miracoli.Grazie per la risposta e cordiali saluti.Giorgio
Risposta di:
Dr. Pietro De Domenico
Specialista in Neurologia e Psichiatria
Risposta

DA QUANTO RIFERITO, PERALTRO IN MANIERA FRAMMENTARIA, SUO PADRE E' AFFETTO DA ENCEFALOPATIA VASCOLARE CRONICA CON SINDROME EXTRAPIRAMIDALE E SEGNI DI DETERIORAMENTO. MI PARE CHE SIA ABBASTANZA SEGUITO DAL PUNTO DI VISTA CLINICO CHE TERAPEUTICO. IMPORTANTE CONTINUARE AD ESEGUIRE PERIODICI CONTROLLI PER TENERE SOTTO CONTROLLO LA SITUAZIONE. 

TAG: Malattie neurologiche | Neurologia