21-05-2018

Problemi di metabolismo lento e perdita di peso

Salve sono una donna di 35 anni lotto con il peso da sempre sono riuscita scendere solo 2 volte facendo una dieta chetogenica seguita una volta 30 adesso 20 kg il problema si pone appena finisco chetogenica visto che non posso adottare come stile di vita sano ......sono seguita attualmente presso un centro nutrizionale con una dieta priva di glutine( ho scoperto un anno fa celiachia )ho fatto la calorimetria indiretta dove il mio metabolismo risulta molto lento mentre holter metabolico ottimo dispendio energetico....ho ricontrollato la tiroide perché sono affetta da ipotiroidismo e prendo il tirosnit da 75 ma pare che i valori siano ok ....faccio attività fisica seguo dieta ma il mio peso non scende anzi se scarro ma anche di pochissimo acquisisco molto facilmente......la mia domanda e oltre alla dieta attività fisica costante 3 volte settimana cosa posso fare per smuovere il metabolismo sono disperata non voglio riprendere peso.....ha aggiungo non so se rilevante che soffro di allergia asmatica e prendo tutti i giorni antistaminico e anti asmatico(Relvar inalazione)

Risposta di:
Dr. Giovanni Orlando
Specialista in Nutrizione e Scienze dell'alimentazione
Risposta

Salve, ci sono tutta una serie di cofattori che rallentano il suo "desiderata". Innanzitutto l'età, che comporta una iniziale perdita di massa magra, anche se minima, l'ipotiroidismo che, anche se compensato, non è sicuramente fisiologico per cui il dispendio energetico non è ottimale. Poi vi sono stati un paio di "minacce" che non definirei dietoterapia, quando ha perso decine di chili. Quando perde peso comunque perde massa magra, da una parte e dall'altra con la perdita di peso si informa l'apparato endocrino metabolico di una minaccia in atto. In altre parole, più semplici, l'organismo reagisce alla minaccia della perdita del peso con, non solo un ripristino dell'equilibrio pregresso (e relativo peso) ma cerca di aggiungere qualche altro chilo per allontanare la minaccia di una futura perdita di peso. La perdita di peso nello sviluppo della razza umana non è stata mai volontaria ma sempre accompagnata da carestie.... in quel caso solo chi aveva le potenzialità per sopravvivere alla catastrofe era il sopravvissuto..... Le consiglio di farsi seguire da un Collega Medico dietologo, accettando serenamente i limiti che natura detta. Non noi.

TAG: Adulti | BMI - Obesità di I classe | BMI - Sovrappeso | Dieta | Endocrinologia e malattie del ricambio | Esami | Farmacologia | Ghiandole e ormoni | Obesità | Scienza dell'alimentazione | STEP - Attivo | Tiroide