Dieta del limone: come funziona?

dieta del limone come funziona
Mara Pitari
Scritto da:
Mara Pitari
Giornalista & web content editor

Accelera il metabolismo ed è perfetta per perdere chili in fretta. È la dieta del limone, un regime alimentare d’urto che fa leva sulle proprietà depurative e drenanti dell’agrume e che nei periodi caldi torna alla ribalta grazie alla sua capacità di ridurre subito il gonfiore.

La dieta del limone promette pancia piatta in una settimana e ha conosciuto il successo grazie alle star che l’hanno messa in pratica come Beyoncé, Jennifer Aniston o Heidi Klum. Va detto che come tutte le diete drastiche, anche questo regime alimentare riattiva sì il metabolismo, ma affatica l’organismo e va a intaccare la massa magra. È importante dunque non protrarre la dieta per troppi giorni consecutivi.

Limonata al peperoncino e sciroppo d’acero per perdere peso

Il limone aiuta a placare il senso di fame, a eliminare le tossine e ha proprietà diuretiche e drenanti. Le verdure, i legumi, la carne, il pesce e la frutta fresca nel periodo della dieta saranno allora conditi soltanto con il succo di limone e un filo di olio extravergine in sostituzione di sale, spezie ed eventuali salse.

Ma il cardine attorno a cui si ancora la dieta del limone è una bevanda da bere quattro volte al giorno: appena svegli, nello spuntino di metà mattina, a merenda e prima di dormire. Lo scopo principale di questa preparazione è quello di accelerare il metabolismo.

Per prepararla occorrono due cucchiai di succo di limone, preferibilmente bio e non trattato, disciolti in acqua non fredda, due cucchiai di sciroppo d’acero – che è nutriente, antiossidante, meno calorico dello zucchero – e un pizzico di peperoncino di cayenna, una varietà originaria della Guyana francese con proprietà bruciagrassi.

Questo regime promette di far perdere tre chili in sette giorni, specie se associato a una leggera e costante attività fisica, ma per godere del massimo beneficio bisogna attenersi strettamente alle sue regole alimentari e non assumere alcolici che vanificherebbero gli sforzi depurativi, oltre ad apportare una grossa quantità di calorie. Inutile sottolineare che è vietato mangiare fuori pasto.

Dieta del limone: ecco il menu

Una settimana basata sulla dieta del limone inizia appena svegli con un bicchiere del preparato a base di sciroppo d’acero e peperoncino per proseguire con una colazione a base di yogurt, frutta fresca e avena (due cucchiai).

A metà mattina sono concesse 8 mandorle (oppure frutta fresca o verdura cruda) e di nuovo la bevanda. A pranzo un pasto leggero come del riso integrale (60 grammi) con verdure, una zuppa di legumi o un’insalata condita con limone e accompagnata da 30 grammi di pane integrale andranno benissimo.

Per la merenda di metà pomeriggio si può optare ancora per la frutta fresca oppure per un paio di biscotti di avena e poi la consueta limonata. A cena pesce o carne bianca alla griglia (non più di 150 grammi) con verdure, il tutto condito con limone.

Non dimenticare il bicchiere di succo al limone prima di coricarsi. È importante non saltare nessuno dei cinque piccoli pasti quotidiani e, per quanto riguarda la frutta, sono da preferire mele, kiwi, pere e arance. Tra gli ortaggi, bene le carote, il sedano e i finocchi.

Dieta del limone: vantaggi e controindicazioni

La dieta del limone è semplice da seguire e non prevede lunghe preparazioni dei pasti. Gli alimenti sono di facile reperibilità e non c’è bisogno di fare eccessive rinunce per essere a regime. Lo schema settimanale però è molto ripetitivo e può risultare frustrante seguirlo per troppo tempo oltre che dimostrarsi debilitante per l’organismo. Soprattutto se si soffre di reflusso e acidità di stomaco, il limone non è il migliore alleato.

In tutti gli altri casi si tratta di una dieta da cui prendere benefici nell’immediato ma da abbandonare appena ci si sente più leggeri e depurati in favore di un regime alimentare più completo e soddisfacente, mantenendo magari l’abitudine di assumere un paio di bicchieri al giorno di limonata al peperoncino.

Per approfondire guarda anche: “Dieta e nutrizione: frutta”

Leggi anche:
La dieta paleolitica (o Paleo Dieta) è un regime alimentare che emula il pattern dietetico dell'età della Pietra. I risultati però non sono scientificamente provati.
17/10/2018
08/06/2018
TAG: Addome | Adulti | BMI - Obesità di I classe | BMI - Obesità di II classe | BMI - Obesità di III classe | BMI - Sovrappeso | Dieta | Disturbi gastrointestinali | Effetti Collaterali | Giovani | Nutrizione | Obesità | Scienza dell'alimentazione | Stomaco
Mara Pitari
Scritto da:
Mara Pitari
Giornalista & web content editor