12-03-2018

Problemi reflusso

Ormai da circa 1 anno soffro di reflusso gastrico scoperto mediante una visita OLI dove il medico mi ha diagnosticato un edema della mucosa interaritenoidea e segni di laringite posteriore da verosimile reflusso gastroesofageo. Fatta gastroscopia pochi mesi fa , tutto negativo . Però mentre il medico eseguiva la gastroscopia sentivo che diceva “ha qualche anello”... in ogni caso sul referto non c’è scritto nulla solo terapia con Levopraid prima dei pasti ed esomeprazolo.

La cosa strana ormai è che l’unico sintomo che ancora permane è appunto un fastidio alla gola ( in particolare modo dopo i pasti e soprattutto se sto in posizione seduta) magari scompare per circa 15/20 gg e poi riappare per magari un altro mese. Comunque l’eruttazione non mi ha mai abbandonato da quando si è manifestata questa “malattia” in modo palese, quindi da circa un anno.

Domanda : si può uscire definitivamente da questa rottura di scatole altalenante ? Grazie sin d’ora.

Risposta di:
Dr. MARIO GUSLANDI
Specialista in Gastroenterologia
Risposta

La gastroscopia negativa non é in contrasto con il riscontro di reflusso alla visita ORL, anzi, é un fenomeno assai comune. Per quanto riguarda la risposta incompleta alla terapia potrebbe essere dovuta a dosaggi non ottimali dei farmaci, che vanno rivalutati da un gastroenterologo.

TAG: Adulti | Apparato Digerente | Disturbi gastrointestinali | Farmacologia | Gastroenterologia | Giovani | Infiammazioni | Terapie