Buonasera, a mia madre, 57 aa, è stato riscontrato un carcinoma squamocellulare dell'esofago toracico, 2 cm sotto al faringe, con una estensione di circa 6 cm, stenosi con lume residuo di circa 1 cm, con infiltrazione della parete e dei linfonodi, secondo gli specialisti non è operabile anche perchè mia madre è affetta da cirrosi postetanolica (con... Leggi di più esordio ascitogeno nel dic.2007 da allora non ha più assunto alcun tipo di bevanda alcolica), cirrosi verificata con biopsia epatica per via laparoscopica, senza ipertensione portale intraaddominale e senza varici. La sierologia di funzionalità epatica è completamente nella norma. A noi è stato consigliato un trattamento chemioradioterapico per giungere all'intervento chirurgico solo come "ultima spiaggia", a causa del quasi sicuro scompenso epatico. Secondo lei la "termoablazione" del tumore all'esofago può rappresentare un'alternativa a quanto proposto? Grazie e scusi il disturbo