07-08-2012

quando trattare

Mia figlia, 30 anni, è andata una decina di giorni fa al pronto soccorso con una pressione molto alta 130/200, subito le hanno fatto un cardiogramma, che è risultato nella norma e poi somministrato il farmaco per abbassare la pressione. Dopo circa 3 ore è stata dimessa con laa richiesgta di effettuare un eco addome e un doppler delle arterie renali. In caso di rialzo della pressione, da controllare giornalmente, le hanno prescritto l'uso di Nifedicor - 8 gocce. La pressione è rimasta nei limiti per 4/5 giorni e poi ha ripreso ad alzarsi. nel frattempo ha effettuato l'eco addome, ma deve ancora fare il doppler. Volevo chiedere se c'è differenza fra doppler e eco-dopller poichè l'indicazione era doppler, ma l'ecografo che ha fatto l'eco addoma ha detto che il doppler doveva essere fatto in contemporanea alrimenti non serve. E' vero e perchè, il doppler è fissato tra una settimana. Mia figlia ha già effettuato molte analisi del sangue e nulla di irregolare è emerso come pure dal cardiogramma e dall'eco addome, data la difficoltà di trovare la causa di questo rialzo pressorio, sarebbe consigliabile una visita specialistica cardiologica per chiarire la situazione?
Risposta di:
Prof. Claudio Di VeroliDottore Premium
Specialista in Diabetologia e malattie del metabolismo e Malattie del fegato e del ricambio
Risposta

Gent. sig.re,

Sua figlia probabilmente sta diventando una ipertesa ed è giusto effettuare un trattamento che nel tempo dovrà essere potenziato. Al PS hanno suggerito di effettuare le varie indagini per valutare se c'è qualche causa che possa indurre ipertensione, ma non credo che la troverà. La dizione esatta è ecocolordopplerr delle arterie renali. Caratteristica dell'iperteso sono le analisi negative, ma controlli la glicemia, l'uricemia e il profilo lipidico.

Un saluto

prof. Di Veroli (Roma)

TAG: Cuore | Malattie dell'apparato respiratorio | Malattie dell'apparato cardiovascolare